MCENROE: “ALTRA GENERAZIONE GIOVANI SEPPELLITA”

L'americano parla del tennis moderno e del rischio di bruciare la nuova gioventù

McEnroe è tornato a parlare della sua carriera, degli esordi e di come si è approcciato al tennis in gioventù, tema centrale della sua intervista ad AGI.

Io vengo da una famiglia che mi ha dato grandi insegnamenti, fra cui anche quello di avere diversi interessi, anche nello sport. Infatti ne ho praticati tanti, dal calcio al basket, che ancora amo e seguo, prima di scegliere il tennis. Da una decina d’anni ho impiantato quest’accademia perché i giovani della mia città pratichino più discipline. I costi sono troppo alti, i genitori mettono troppa pressione sui figli, che non si divertono e smettono, o comunque non amano davvero quel che fanno e non si impegnano il giusto”.

Su un futuro da coach e le nuove leve afferma: Kyrgios mi piace, l’ho visto da vicino alla Laver Cup, anche: ha il talento, può battere chiunque, può arrivare nei ‘top ten’ ma non ha la continuità. Mi piacciono anche Shapovalov e Tsitsipas, che hanno un grande talento, Khachanov che picchia forte e Aliassime, che mi stupisce sempre. Per il tennis americano dico due nomi: Opelka che è alto e grosso e picchia duro, ma si muove anche bene, e Tiafoe, che deve ancora evolversi. Negli ultimi dieci anni abbiamo visto i tre più forti della storia del tennis (Federer, Djokovic e Nadal). Dopo aver sepolto l’attuale generazione rischiano di seppellire anche la prossima. Noi, cinque anni fa, pensavamo che questa favola fosse finita, invece è rinata a Melbourne due anni fa, a Parigi ne abbiamo visto un’altra puntata, forse l’ultima. Chissà”.


Nessun Commento per “MCENROE: "ALTRA GENERAZIONE GIOVANI SEPPELLITA"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.