MEDVEDEV: “DJOKOVIC NON ERA AL MEGLIO, MA SONO STATO SOLIDO”

Il russo ha ammesso come Djokovic non fosse al meglio nel loro ultimo match alle ATP Finals di Londra
venerdì, 20 Novembre 2020

Tennis. Daniil Medvedev ha staccato il pass per le semifinali alle ATP Finals battendo in due set sia Alexander Zverev che Novak Djokovic.

Il russo sembra aver ritrovato la forma migliore dopo il successo a Parigi-Bercy ed è già sicuro di passare da primo nel suo girone.

Qui nel 2019 ho perso con entrambi – ha raccontato a caldo -, con Stefanos c’è una sorta di rivalità, essendo entrambi giovani, mentre con Rafa non ho mai vinto. Non ho una preferenza. Chiunque sia il mio avversario, sarò contento di affrontarlo“ – ha dichiarato il finalista degli US Open 2019.

Certamente non è stata la miglior versione di Djokovic, ma contro i tre big è complicato vincere anche quando non sono al meglioBisogna essere solidi e posso dire di esserci riuscito.

Guardando al punteggio, questa è stata la più netta delle mie tre vittorie contro Nole, ma non posso dire la migliore dal punto di vista del gioco” – ha aggiunto.

Ho servito molto bene e ho cercato di mettergli addosso sempre la massima pressione – la sua analisi -, ma ci sono stati anche dei momenti in cui non sono stato contento di me stessoho sbagliato alcuni passanti.

In ogni caso avevo di fronte uno dei migliori ribattitori del mondo, su questa superficie è difficile fare dei break, ce ne sono stati pochi“. 

Medvedev è stato interrogato anche sul caso Zverev-Sharypova: “Conosciamo Olga, certo. Ma posso solo dire, in generale, che sono contrario alla violenza e agli abusi.

Poi le indagini riguardano la polizia e non so se lei ci andrà o no. Io non conosco i dettagli“.


Nessun Commento per “MEDVEDEV: "DJOKOVIC NON ERA AL MEGLIO, MA SONO STATO SOLIDO"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.