MEDVEDEV SI LAMENTA PER LE CONDIZIONI TROPPO VELOCI A TORINO

Il russo si è lamentato per l’eccesiva velocità della superficie alle ATP Finals di Torino
lunedì, 15 Novembre 2021

Tennis. Daniil Medvedev ha esordito con un successo in rimonta alle ATP Finals 2021. Il numero 2 del mondo ha avuto la meglio su Hubert Hurkacz in un match equilibrato e ricco di colpi spettacolari.

Mi piacciono assolutamente i campi duri, è l’unica cosa che posso dire. Penso di preferire le condizioni rapide, ma qui ci sono probabilmente le più veloci che abbia mai affrontato nel Tour. 

Nei Challenger a volte capita di giocare sul tappeto [a Ismaning e a Eckental] che è veloce e diverso, ma qui non penso sia questione di superficie in sé perché, onestamente, è probabilmente la stessa che c’era a Londra.

Penso che sia una combinazione di aria, che è davvero molto secca qui e la palla la attraversa velocissima, le palline che sono piuttosto veloci e il campo – lo abbiamo visto durante il match.

Nei miei turni di battuta, sono stato raramente sotto pressione [nessuna palla break concessa] contro un grande ribattitore [68° nella speciale classifica ideata dall’ATP].

Lo stesso vale per me, con solo due giochi in cui ho avuto palle break, nessuna in tutto il primo set. Ci sanno voluti sì e no trentacinque minuti per arrivare al tie-break, quindi velocissimo” – ha analizzato il tennista moscovita.

Daniil gioca questo torneo con la pressione di essere il campione uscente: “Difficile da dire perché, per esempio, appena me lo hai domandato ho cercato di ricordare i grossi tornei vinti.

Ok, Shanghai e Cincinnati [nel 2019], ma l’anno successivo Cincinnati si è disputato a New York, e non è lo stesso, mentre Shanghai non c’è stato.

Qui è lo stesso: so di aver vinto Londra l’anno scorso, erano sempre le Nitto ATP Finals, ma qui siamo in un altro posto, hotel diverso, tutto diverso. 

Voglio sentirmi il campione che difende il titolo, ma non ci riesco. Sento che a Torino si ripartirà da un nuovo vincitore perché mi ricordo che all’arena [O2] vedi tutti i vincitori con scritto Sydney, Shanghai, Londra…

Così, Torino 2021 sarà come una nuova storia, non sento assolutamente pressione e sono semplicemente contento che tante persone mi considerino il campione uscente”.


Nessun Commento per “MEDVEDEV SI LAMENTA PER LE CONDIZIONI TROPPO VELOCI A TORINO”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.