MIAMI, SIMON: “TOURNÈE SFIANCANTE”

Chardy vince il derby francese a Miami, lo sconfitto punta l'attenzione sulle fatiche del mese trascorso negli Stati Uniti.

TENNIS – Tutta la delusione di Gilles Simon dopo l’eliminazione nel derby francese contro Jeremy Chardy, ma anche tutta la frustrazione per una tournèe, quella americana, che comporta un dispendio di energie fuori dalla norma per l’impatto climatico rapportato all’inizio della stagione. Il tennista transalpino spiega il suo flop a Miami nelle consuete dichiarazioni rilasciate a margine del match.

“Non ci sono proprio fisicamente – ha detto Simon – è passato un mese da quando ho cominciato ad avvertire i primi dolori e fin dal mio arrivo di sabato scorso mi sono reso conto di non essere al meglio delle mie possibilità. Ieri in allenamento sono riuscito a giocare solo un set e oggi si sono visti i risultati: ho avuto le mie occasioni, ma non ero lucido né atleticamente né mentalmente per sfruttarle come avrei potuto fare se fossi stato al 100%. Mi dispiace perché ero partito bene e stavo giocando un buon tennis, ma non riesco a vedermi vittorioso in un match se sono in queste condizioni”.

Simon ha sofferto di problemi alla nuca fin dalla vigilia del match di Miami contro Chardy e le ripercussioni si sono sentite a partita in corso: “Più che sul match, ero concentrato sui miei problemi e sui dolori che accusavo dietro la nuca. È un insieme di fattori, vengo da un mese intenso e la tournèe americana è storicamente sfiancante perché si colloca in un periodo dell’anno in cui il caldo si mescola ad un ritmo non ancora altissimo dopo la preparazione atletica. Non sono soddisfatto di com’è andata, speravo in un risultato migliore. Ho giocato in condizioni peggiori, certo, ma mi aspettavo che la mia avventura durasse di più”.

Ad andare avanti a Miami dopo il derby francese, dunque, è Chardy, un risultato importante anche in ottica delle gerarchie di Coppa Davis. Simon, dal canto suo, si concentrerà sulla stagione della terra rossa.


Nessun Commento per “MIAMI, SIMON: "TOURNÈE SFIANCANTE"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • FEDERER AL ROLAND GARROS: “MI SIETE MANCATI” La gioia di Roger Federer dopo la vittoria nel match d'esordio a Parigi, davanti ad un pubblico che lo acclama dal primo all'ultimo scambio.
  • MIAMI, IL SABATO DEI DUE TABELLONI Miami a metà percorso: avanti Federer, fuori Zverev negli uomini. Crollo Osaka tra le donne, ne approfittano Kvitova e Wozniacki. Andreescu, magic moment
  • DAVIS CUP, LA FRANCIA SI SPACCA PER SIMON In vista della finale di Lille, il pubblico transalpino fa partire la discussione sul suo giocatore, reduce dalla finale persa a Shanghai: squadra che vince non si cambia, o lo stato di […]
  • MIAMI: FOGNINI E BOLELLI KO, OK UN DISTRATTO DJOKOVIC Sabato nero per gli italiani. Fabio cede in due set contro Sock, mentre Simone va al tappeto al terzo set contro Troicki. Tutto facile per Nishikori e Isner, mentre Tsonga brinda al […]
  • MIAMI, DAY-AFTER: LE VOCI DI NOLE E RAFA Il Sony Open incorona Djokovic per la quarta volta in carriera. Visibilmente soddisfatto il serbo: "E' stato un torneo fantastico". Nadal, sconfitto in finale, certifica il verdetto della […]
  • LACRIME AZZURRE: TUTTI FUORI TRANNE BOLELLI Tennis. Primo turno per gli italiani durissimo agli Internazionali d'Italia. Esce malamente Fognini che esce in un'ora di gioco contro Rosol. Bolelli vince il derby con Travaglia. Simon […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.