MIKE E BOB BRYAN: “IL DOPPIO DOVREBBE AVERE PIÙ VISIBILITÀ”

Ancora un trionfo per i gemelli Bryan che in Canada conquistano il Master 1000 di Montreal eliminando Daniel Nestor e Edouard Roger-Vasselin; ma per i numeri uno il doppio dovrebbe essere più considerato, in particolare dai media.
martedì, 18 Agosto 2015

Tennis. A Montreal Mike e Bob Bryan salgono a quota 6 titoli stagionali battendo il tennista di casa Daniel Nestor che è arrivato in finale insieme al francese Roger-Vasselin. Ma quello che sorprende di più i campioni del doppio è il numeroso pubblico canadese venuto a vedere la finale, che fa riflettere inoltre sull’effettiva importanza data al tennis di coppia.

“Ci piace fare quello che facciamo, ma è ancora più speciale se c’è gente che viene a vederci –ha detto Mike Bryan a fine partita- era un momento speciale per gli appassionati di Montreal, probabilmente erano lì per vedere Nestor, forse altre erano lì per vedere noi. Tutto questo rende l’atmosfera più intensa ed eccitante, questi sono i momenti in cui si gioca per le grandi finali dei masters. Con lo stadio pieno è stato fantastico.”

Ma non sempre i match di doppio sono visibili al pubblico non di casa, poiché spesso la copertura tv viene a mancare proprio in occasione del doppio, al contrario del torneo di singolare visibile in tv o in streaming. A tal proposito si esprime Bob Bryan: “I match di doppio non possono aspettarsi grande pubblico perché non sono trasmessi in tv. Le persone vogliono vedere le stelle; ad esempio ogni partita di Djokovic è visibile, la gente lo ama, è una grande star e vengono a vederlo.” e continua poi parlando dell’impegno che dovrebbe mettere l’Atp anche per il doppio “Se i match continueranno a non avere copertura sarà difficile che le cose cambino; penso che tutte le partite professionali dovrebbero essere trasmesse su internet, non penso sia chiedere troppo. È possibile vedere il campo 1 e 2 dei Challengers, ma stranamente non è possibile guardare un fantastico doppio di Tsonga e Monfils sul campo 2 di Montreal; l’Atp deve fare uno sforzo.” conclude Bob.

Continua dunque il dibattito sull’importanza della disciplina di doppio, messa più volte sotto giudizio sia per l’impegno che richiede ai giocatori, in particolare quelli che giocano anche i match in singolare, sia per la poca rilevanza, a livello mediatico, che gli viene data.

Foto: Mike e Bob Bryan (zimbio.com)


Nessun Commento per “MIKE E BOB BRYAN: “IL DOPPIO DOVREBBE AVERE PIÙ VISIBILITÀ””


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.