MONTECARLO, DJOKOVIC SCACCIA LA PAURA

TENNIS - Esordio complicato per il serbo contro Mikhail Youzhni. Nole perde il primo set e rischia qualcosa nel terzo, ma alla fine vince l'incontro. Il russo, protagonista di un'ottima prestazione, regala lampi di grande tennis ma cala fisicamente alla distanza. Nessun problema invece per Murray, che supera Roger-Vasselin in poco più di un'ora
mercoledì, 17 Aprile 2013

Tennis.  Master 1000 di Montecarlo (2.646.495 euro, terra). Nole c’è. Messe definitivamente da parte le preoccupazioni legate alla caviglia ammaccata, oggi il serbo ha fatto il suo esordio contro Mikhail Youzhni. Un avversario teoricamente abbordabile, uno che contro un Djokovic al 100% non ha scampo. Ma anche uno a cui prestare molta attenzione, soprattutto se non sei affatto al 100% e rientri da un infortunio.

L’inizio non è dei migliori per il numero 1 del mondo: due errori di rovescio lo mandano sotto 0-30. I primi dubbi cominciano a serpeggiare, ma Nole li spazza (momentaneamente) via portandosi sul 30 pari. Al terzo rovescio in corridoio i dubbi però tornano prepotentemente e prendono consistenza. Arrivano le prime palle break dell’incontro. Il russo sbaglia sulla prima, Nole annulla la seconda con un grande rovescio incrociato ma poco dopo la combina grossa: prima commette doppio fallo concedendo la terza palla break, poi affossa in rete il rovescio ‘sublimando’ un inizio a dir poco terribile. Novak probabilmente paga i giorni di stop; è ‘fermo’, imballato, si muove male e sbaglia molto. Il russo invece fa tutto bene, gioca con discreta regolarità e con molta concentrazione (e ogni tanto, da buon artista della racchetta, si permette anche il lusso di dipingere autentiche meraviglie sulla tela rossa di Montecarlo). Nel terzo gioco, sul 2-0 Youzhni, il serbo, in vantaggio 40-0, si fa recuperare e cede nuovamente il servizio; Youzhni si porta rapidamente sul 4-0. Bisogna aspettare fino al 5-1 per la prima, piccola scossa serba. Il parziale di 12 punti a 2 consente a Djokovic di infilare 3 giochi consecutivi e di rifarsi sotto, ma è tutto vano. Sul 5-4, il russo non trema e chiude il primo set sul 6-4.

La piccola scossa che ha permesso al serbo di chiudere in crescendo il primo set diventa una reazione veemente nel secondo. Nole riduce sensibilmente gli errori gratuiti; i suoi colpi diventano più profondi e incisivi – fa male soprattutto col rovescio lungolinea. Youzhni invece, da par suo, comincia a concedere qualche punto di troppo. Djokovic breakka il russo nel quarto e nel sesto gioco, aggiudicandosi il set per 6-1.

Il terzo e decisivo set sembra diventare una formalità quando il fuoriclasse di Belgrado ottiene il break in apertura. Youzhni però, contro ogni pronostico, rimane testardamente aggrappato al match e sul 3-2 i suoi sforzi vengono premiati – dagli dei del tennis e da Djokovic stesso, che sbaglia qualche palla di troppo e manda in soffitta la prima di servizio. 3-3 e partita riaperta. Nel game successivo il russo salva due palle break, va sul 4-3 e rimette la testa avanti. Purtroppo per lui il solo talento non basta contro il serbo, nemmeno se questi è al 70% della condizione. Mikhail, in evidente calo fisico, torna ad offrire una palla break sul 4 pari; il punto è decisivo, e si vede. Lo scambio da fondo è  massacrante e Youzhni prova a salvarsi ancora una volta con una magia, ma il drop non passa. Djokovic ottiene il break e chiude il discorso nel game successivo – 4-6, 6-1, 6-4 il punteggio finale.

Chissà che idea s’è fatto Nadal, affacciatosi in tribuna per gli ultimi scampoli di match. Probabilmente la stessa che ci siamo fatti noi: Nole, nonostante tutto, c’è. E se partecipa, lo fa solo ed esclusivamente per vincere. Anche sulla terra, anche dopo un infortunio, sfidando chi su questi campi è ormai di casa. Senza paura e senza alibi.

Nessun problema invece per Andy Murray, altro ‘big’ all’esordio oggi. Allo scozzese basta poco più di un’ora per piegare la resistenza di Édouard Roger-Vasselin (figlio di Cristophe, semifinalista e giustiziere di Jimmy Connors al Roland Garros del 1983). Nel primo set fa tutto lo scozzese: breakka tre volte il suo avversario e regala un turno di servizio, chiudendo senza problemi sul 6-1. Pessimo, ovviamente, il rendimento al servizio del francese  – 5/12 con la prima e 1/7 con la seconda. Nel secondo set Roger-Vasselin va avanti nel punteggio e migliora in battuta , ma non basta; a Murray basta un break per fare suo l’incontro. Finisce 6-1, 6-4 in un’ora e 13 minuti di gioco.

Accedono al terzo turno anche Stanislas Wawrinka e Juan Monaco. Allo svizzero, che sfiderà proprio Andy Murray nel prossimo turno, bastano 54 minuti per spazzare via Albert Montanes, eliminato con un doppio 6-1. Qualche problema in più per l’argentino, che comunque si impone in tre set su Ernests Gulbis.

 

Monte-Carlo Rolex Masters – Secondo turno

[1] N Djokovic (SRB) d. M Youzhny (RUS) 46 61 64
[2] A Murray (GBR) d. [Q] E Roger-Vasselin (FRA) 61 64
[3] R Nadal (ESP) d. M Matosevic (AUS) 61 62
[4] T Berdych (CZE) d. M Granollers (ESP) 75 64
[9] M Cilic (CRO) d. K Anderson (RSA) 62 63
J Melzer (AUT) d. [10] N Almagro (ESP) 64 62
J Nieminen (FIN) d. [12] M Raonic (CAN) 63 16 76(3)
[13] S Wawrinka (SUI) vs [Q] A Montanes (ESP) 61 61
J Monaco (ARG) d. E Gulbis (LAT) vs [14] 60 36 63
F Fognini (ITA) d. [Q] A Ramos (ESP) 63 75
F Mayer (GER) d. R Bautista Agut (ESP) 57 64 64

 

 


Nessun Commento per “MONTECARLO, DJOKOVIC SCACCIA LA PAURA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • MONTECARLO, WAWRINKA UMILIA MURRAY TENNIS - Lo svizzero vince in soli 58 minuti col punteggio di 6-1, 6-2. Irriconoscibile lo scozzese, mai in partita. Djokovic (ancora in rimonta) supera Monaco e va ai quarti, dove […]
  • WAWRINKA TORNA IN TOP TEN TENNIS – Settimana di relativo stallo per la classifica Atp quella che precede il Roland Garros. Il numero due svizzero approfitta del calo di Tipsarevic e torna tra i primi 10. Sale anche […]
  • NIZZA E GINEVRA, TORNEI MODERNI PRIMA DELLA TRADIZIONE RG Andiamo alla scoperta dell' Open de Nice Cote d'Azur e del Geneva Open, tornei di avvicinamento al Roland Garros che si svolgerà dal 24 maggio 2015.
  • TIPSAREVIC, CRISI SENZA FINE TENNIS - Prosegue il momento no per Tipsarevic. Oggi a Dusseldorf è arrivata l'ennesima sconfitta contro l'argentino Guido Pella. In questa prima metà di stagione il serbo ha racimolato […]
  • ATP UMAG, PARTE BENE FOGNINI TENNIS - Fabio Fognini, all'esordio nel torneo croato, piega in due set Thiemo de Bakker col punteggio di 7-5, 6-3; nel prossimo turno affronterà Martin Klizan. Subito fuori Gasquet. A […]
  • NOVAK DJOKOVIC: “SONO QUI PER VINCERE” TENNIS – Si delineano gli ultimi due semifinalisti degli US Open: Novak Djokovic e Stanislas Wawrinka. Tra i due un clamoroso e spettacolare precedente agli Australian Open. Wawrinka: “Il […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.