MONTREAL, TITOLO ALLA RADWANSKA

La Rogers Cup va alla giocatrice con il miglior ranking. La polacca si impone 64 62 in un match quasi mai in discussione. Troppe sbavature per Venus, che paga la stanchezza della semifinale. Alle Chichis il titolo di doppio, battute le Chan

TENNIS – La Rogers Cup consegna la prima corona ed è quella di Montreal. Finale femminile in archivio sul cemento canadese, che certifica il trionfo della giocatrice più continua. Agnieszka Radwanska conquista il titolo contro Venus Williams e sopravvive alla dèbacle delle grandi teste di serie.

Match mai in discussione, quello tra polacca e americana. O quasi mai, visto che l’esplosività della Venere è l’unico fattore che prova a rimettere in bilico un risultato che pare già acquisito nelle ultime battute del primo set. Aga mette in mostra la sua costanza e limita le sbavature al minimo, Venus fatica a mantenere un ritmo accettabile e commette diversi errori sulla risposta, precludendosi la possibilità di allungare il turno di battuta dell’avversaria. La sfuriata in apertura di secondo set è soltanto una fiammata inconsistente e l’incontro si trascina verso l’esito più scontato.

Primo set che comincia subito con l’andamento imposto dalla Radwanska. La ricerca del pertugio è immediata, la polacca cerca di mettere in chiaro le cose per accumulare un buon margine di vantaggio e scoraggiare le velleità della Williams. La tattica si rivela subito efficace: due break in rapida successione, 4-1 e servizio per la numero 3 del seeding. Sul servizio per salire 5-1 arriva la prima reazione di Venus, che dimezza il gap e si lancia all’inseguimento della rivale, sfiorando il pari nel combattuto ottavo gioco. Non basta un dritto in contropiede per piazzare il 4-4, al contrario Aga trova le forze per salvare il servizio e conservare il break di vantaggio fino al 64 dei primi quarantasei minuti di gioco.

Se la giocatrice di Cracovia parte forte, l’americana va nel pallone. E allora Venus gioca il tutto per tutto in apertura di secondo set, sperando di ottenere lo stesso risultato della rivale all’inizio dell’incontro. L’avvio non è incoraggiante, la Williams cede subito la battuta e prova a recuperare da 0-2 a 2-2: ci riesce, ma nel game successivo spreca l’occasione di mettere la testa avanti e concede nuovamente un break alla polacca. I troppi errori gratuiti giocano un ruolo determinante sia sul piano psicologico che sul piano atletico, visto che la Venere è costretta agli straordinari per riacciuffare gli scambi persi, con risultati decisamente al di sotto delle aspettative. Il contro-break del quinto gioco spacca il set in due, Aga vola spedita verso il 62 che vale match e Rogers Cup. Con il successo di oggi, la Radwanska torna a vincere un trofeo a quasi un anno di distanza. L’ultimo trionfo è datato 22 settembre 2013 sul cemento di Seoul.

Archiviata la finale del singolare, quella di doppio regala l’ennesima gioia a Sara Errani e Roberta Vinci. Le due giocatrici azzurre, prime della classe, superano le Chan e conquistano il titolo contro il tandem asiatico. Finisce 76[4] 63 un match costantemente dalla parte delle Chichis, galvanizzate anche dal fatto di non trovare le rivali di ranking nell’atto conclusivo, ovvero la coppia PengHsieh. Con questo successo, le prime posizioni nel ranking vengono conservate e la marcia di avvicinamento agli US Open può dirsi ad un buon punto.


Nessun Commento per “MONTREAL, TITOLO ALLA RADWANSKA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • MONTREAL, VENUS VINCE E ATTENDE AGA Rogers Cup, Serena subisce la rimonta e soccombe al terzo set contro sua sorella. Dall'altra parte vince la Radwanska: doppio tie-break e Makarova ko. Intanto Errani-Vinci in finale di doppio
  • MONTREAL, DERBY WILLIAMS IN SEMIFINALE Serena rimonta e batte Caroline Wozniacki in una sfida complicatissima, Venus la imita contro Carla Suarez-Navarro. Dall'altra parte Radwanska-Makarova: eliminate Azarenka e la rivelazione Vandeweghe
  • US OPEN, DAY 6: LE STELLE CONTINUANO A BRILLARE Carrellata di big nel day-six, nessuna delude le aspettative: resta Venus Williams, nel match conclusivo di giornata contro la Siegemund
  • FED CUP, L’ITALIA PESCA GLI STATI UNITI La squadra italiana, dopo la debalce di Genova contro la Francia, viene sorteggiata contro il team delle sorelle Williams nello spareggio del 18 e 19 Aprile, valido per la permanenza nel World Group
  • PECHINO: GIOIA VINCI E SERENA, HALEP VINCE E LASCIA L'ultimo baluardo azzurro approda ai quarti: la tarantina batte la Makarova in un match complicatissimo. Williams in scioltezza, Venus si ritira e lascia campo alla Kvitova. La rumena si […]
  • TOP TEN WTA. SI CERCANO SOPRAVVISSUTE La nuova stagione non sembra essere iniziata sotto i migliori auspici per le stelle della Wta. Soltanto due top ten, Agnieska Radwanska e Angelique Kerber, sono sopravvissute a sconfitte, […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.