MOYA RACCONTA NADAL: “IL RICORDO PIU’ BELLO”

Moya racconta Nadal e i bei momenti vissuti insieme anche da giocatore
giovedì, 22 Agosto 2019

Carlos lavora con Rafa ormai da anni, insieme hanno condiviso gioie e dolori. Il loro rapporto però va’ ben più indietro di questo lustro e lo spagnolo ne parla nel dettaglio.

“Ci vorrebbe un sacco di tempo per raccontare la mia storia con Rafael. Ci conosciamo da quando lui aveva 12 anni, in Germania. Stava giocando un torneo, mentre io un evento del tour professionistico. La nostra amicizia è iniziata allora. Era di dieci anni più giovane di me, proveniamo dalla stessa isola e quindi spesso ci allenavamo insieme quando eravamo a Maiorca. Quando aveva 15 o 16 anni, era già entrato nell’ATP Tour”.

Ecco il ricordo più bello condiviso: “Il miglior ricordo che ho con lui a livello professionale è stata la vittoria in Coppa Davis a Siviglia (nel 2004), che per me era uno dei principali obiettivi. Vincerla accanto a lui è stato incredibile. Poi siamo rimasti amici, abbiamo passato insieme un sacco di tempo, abbiamo avuto bei momenti sia fuori che dentro dal campo. Poi, quando mi sono ritirato dal professionismo (nel 2010), ho continuato a seguirlo ma da un po’ più lontano. Il destino ci ha fatto incontrare di nuovo, nel 2017, e spero per molti altri anni ancora. Il 2017 è stato un anno impressionante. E’ tornato numero uno del mondo, ha vinto grandi titoli tra cui due Grand Slam e in particolare il Roland Garros che è l’obiettivo di ogni anno.Vincere la Decima è stato qualcosa di mai visto nello sport, non credo succederà più. Essere accanto a lui è stata una grande emozione“.


Nessun Commento per “MOYA RACCONTA NADAL: "IL RICORDO PIU' BELLO"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.