MUGURUZA CONFERMA SAM SUMYK

La tennista spagnola di origini venezuelane conferma il suo rapporto di lavoro con il coach Sam Sumyk, ex trainer di Azarenka e Bouchard.
sabato, 24 Ottobre 2015

TENNIS – Ma notizia fu ‘nascosta’ in maniera peggiore. Stiamo parlando, infatti, di quello che stava diventando un vero e proprio ‘segreto di pulcinella’ inerente a Garbine Muguruza e Sam Sumyk. Il loro rapporto professionale continuerà a vele spiegate dopo il periodo di prova che, a conti fatti, è stato più che soddisfacente per ambo le parti. Così, il progetto che è iniziato a metà settembre, ha preso forma e colori in appena un mese di allenamenti  e nuove sfide con l’obiettivo dichiarato per la spagnola di giocare un 2016 da assoluta protagonista scacciando, anche, la malasorte che più delle volte si è messa contro la forte giocatrice.

L’allenatore, in questa fase di totale rinascita sportiva per Garbine, sembra essere stato parte integrante del successo, una vera e propria chiave di volta e di’ svolta’. Navigato e veterano come pochi, ex mentore di giocatrici come Azarenka o Bouchard, Sam Sumyk sembra davvero la persona ideale per liberare nella Muguruza quel talento (forse) troppe volte imbrigliato in eccessivi tatticismi e che stava rischiando di bruciare una delle atlete più interessanti e per certi aspetti diverse dell’intero circus. La finale raggiunta a Wuhan ed il titolo conquistato a Pechino sono stati i primi due ‘mattoni’ della nuova fase di Garbine, una campagna asiatica che va cavalcata e su questa onda ripartire per nuovi ed immediati successi. La spagnola di chiare origini venezuelane, si è lasciata alle spalle settimane fatte di pura sofferenza, giorni tristi in cui l’apatia e la poca convinzione nei propri mezzi sembrava stesse per farla da padrona. La finale di Wimbledon conquistata nel luglio scorso invece di incoraggiare sempre più l’iberica sembrava quasi l’avesse schiacciata, un po’ come capita a tanti atleti che, nel momento della riconferma, riescono poche volte a confermarsi su quei livelli d’assoluta eccellenza.

Il rapporto, durato poco più di un decennio con Alejo Mancisidor, il suo allenatore di lunga data, si è interrotto in maniera consensuale senza lasciare strascichi particolare tra i due dove la stima regna ancora immutata.

La tempesta è passata e il successo è già parte del viaggio di una ragazza che, ricordiamolo, ha soltanto 22 anni. Sam Sumyk ha tutte le potenzialità e l’esperienza per ‘controllare’ una vera e propria Ferrari del tennis e, i risultati in Asia sembrano tutti andare verso quella direzione. Nel mirino di Garbine non c’è soltanto la voglia di poter dare molto di più di quanto fatto vedere negli ultimi mesi ma provare a tornare, magari, a giocare l’ennesima finale Slam, possibilmente con un finale a lieto fine.


Nessun Commento per “MUGURUZA CONFERMA SAM SUMYK”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.