MURRAY-DJOKO, FEDERER-DELPO: CHE SEMI!

Andy batte Almagro 6-4 6-1, Novak supera Tsonga 6-1 7-5: sono loro a contendersi un posto in finale alle Olimpiadi. Nella parte alta sarà Federer vs Del Potro: Roger piega Isner 6-4 7-6, Juan Martin doma Nishikori con lo stesso punteggio
giovedì, 2 Agosto 2012

Londra – Tutto secondo copioneSaranno Andy Murray e Novak Djokovic a sfidarsi per un posto in finale nella parte bassa del tabellone “olimpico”. Lo scozzese ha sconfitto 6-4 6-1 un malconcio Nicolas Almagro; il serbo, invece, ha domato 6-1 7-5 un Jo-Wilfried Tsonga entrato tardi in partita e poco cinico. Nella parte alta sarà Roger Federer vs Juan Martin Del Potro: lo svizzero ha anestetizzato il servizio-bomba di John Isner, imponendosi 6-4 7-6 (5); l’argentino ha stoppato la rivelazione Kei Nishikori, battuto 6-4 7-6 (4).

Murray, al suo miglior match del torneo, palesa una straordinaria solidità al servizio raggiungendo il picco nell’ottavo game (4 aces). La maestria nei pressi della rete viene invece fuori nel gioco successivo, quando delizia la platea con un dritto choppato che passa accanto al paletto e muore nei piedi di Almagro. Un tennis aggressivo (9 aces e 16 vincenti) gli consente di incamerare il primo set 6-4. A quel punto lo spagnolo richiede il medical time out perché vittima di un problema alla spalla destra. Il secondo parziale è poi una pura formalità. Murray, che chiude con ben 29 vincenti e soli 7 errori,  è dunque il primo a staccare il pass per la zona medaglie: dovesse vincerne una, diventerebbe il primo tennista britannico a riuscirci dal 1996, quando Henman e Broad conquistarono l’argento in doppio ad Atlanta.

Dopo qualche scroscio d’acqua è il turno del match clou del giorno: Djokovic-Tsonga. Partenza a razzo del numero 2 del mondo, che approfitta di un avversario all’inizio abulico, inefficace al servizio, lento in risposta, estremamente falloso e, fattore per lui insolito, poco esplosivo dal punto di vista atletico; due break e una prestazione regolare da fondocampo permettono a Nole di aggiudicarsi il primo parziale con un perentorio 6-1. A quel punto, però, ci pensa il serbo a riportare in vita Tsonga grazie ad una serie di errori che issano il francese rapidamente sul 3-0. Nole riveste i panni del fighter, ritrova gioco e fiducia e, dopo aver rischiato di scivolare sotto 2-4,  riaggancia il tennista di Le Mans sul 3-3. Avanti 4-3, Tsonga non concretizza una palla break che avrebbe forse cambiato le sorti del match. L’equilibrio perdura fino all’undicesimo gioco, quando una risposta aggressiva seguita da volée di dritto vincente porta Djokovic a servire per il match. Il serbo chiude a zero e centra la sua seconda semifinale di fila alle Olimpiadi: a Pechino fu bronzo, dove arriverà a Londra?

Il vento disturba parecchio lo svolgimento del gioco, per la verità dominato da chi batte. Federer prova ad “affettare” ma John, a dispetto di una mole non indifferente (206 centimetri), è un gigante capace di muoversi più che discretamente. La svolta arriva sul 4-4: Isner, fin lì inattaccabile al servizio, è tradito dal dritto (5 errori nel game) e capitola dinanzi alla terza palla break per dopo averne annullate due con altrettanti aces. Roger va così a servire per il primo set e, dopo aver annullato una palla break (con tanto di “come on!”), riesce a far suo il parziale con il punteggio di 6-4. Nel secondo set Isner salva una palla break sul 2-2, poi si vola via dritti al tie-break che, fatalmente, viene deciso da un net svizzero che accomoda la risposta in back di Roger al di là del net: fine dei giochi. Federer, che non potrà difendere l’oro conquistato in doppio a Pechino, continua la sua corsa verso quell’unico traguardo che ancora gli manca. A tentare di sbarrargli la strada sarà Juan Martin Del Potro, che si è imposto con il medesimo punteggio su Kei Nishikori, ieri giustiziere di David Ferrer. 

 


Nessun Commento per “MURRAY-DJOKO, FEDERER-DELPO: CHE SEMI!”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • TSONGA CI RIPROVA Jo-Wilfried Tsonga spegne le ambizioni di Philipp Kohlschreiber e bissa la semifinale di Wimbledon raggiunta lo scorso anno. Il tedesco si arrende per 7-6 4-6 7-6 6-2
  • MURRAY SONTUOSO, GRAN BRETAGNA IN FINALE Il numero quattro del mondo, a Wimbledon, rifila un periodico 7-5 a Novak Djokovic e conquista una finale olimpica che nel tennis mancava alla Gran Bretagna da 92 anni. Un successo […]
  • C’È SEMPRE DJOKOVIC IN POLE POSITION Nonostante la classifica lo ponga al secondo posto, secondo i bookmakers è "Nole" il favorito per la medaglia d'oro a Londra 2012. Leggermente indietro nella virtuale griglia di partenza, […]
  • LONDRA 2012: I TABELLONI Buon sorteggio per Federer (trova Falla), mentre dalla parte di Djokovic (opposto a Fognini) finiscono Murray (pesca Wawrinka), Berdych e Tsonga. Tra le donne sarà subito Errani-Venus, da […]
  • LE BANDIERE DEL TENNIS Con la scelta del comitato olimpico svizzero, ricaduta su Stanislas Wawrinka, saranno ben otto i tennisti portabandiera ai prossimi Giochi Olimpici di Londra 2012. Soltanto atletica e […]
  • ATP FINALS: IL PAGELLONE Si è concluso anche l’ultimo grande torneo della stagione e come di consueto, tennis.it torna a dare i voti. Vediamo chi sono i promossi e i bocciati del Masters 2012

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.