MURRAY: “EMOZIONE PER LA STAGIONE SULL’ERBA”

La tabella di marcia in vista di Wimbledon, il paragone con i principali avversari, i suggerimenti di Jonas Bjorkman. Tutto questo prima del momento dell'anno più atteso dal britannico, che culminerà con la terza prova dello Slam
lunedì, 15 Giugno 2015

TENNIS – Sta per partire la fase centrale del 2015, per certi versi la più prestigiosa ed elegante dell’anno. In una prima parte nel segno di Novak Djokovic, almeno fino alle semifinali del Roland Garros, c’è anche chi punta a far nuovamente emozionare il pubblico di Wimbledon, finish line della stagione sull’erba. Andy Murray punta al secondo titolo dopo quello del 2013, ma c’è tutta una trafila da effettuare, prima di arrivare all’evento dell’All England Club.

Il tennista britannico, che ha interrotto il tabù londinese in piedi dai tempi di Fred Perry, ha trovato in Jonas Bjorkman la figura più fidata per l’imminente grass season. Con la Mauresmo alle prese con la nascita del suo primogenito, l’ex giocatore svedese ha confidato allo scozzese alcuni accorgimenti da utilizzare in estate. Lo stesso Andy spiega come sta procedendo la preparazione: “Abbiamo trascorso poco meno di una settimana sull’erba, ma già ho compreso diversi insegnamenti che Jonas ha già sfruttato per costruire la sua brillante carriera. Mi sta trasmettendo la sua aggressività, potrò usarla per leggere in un certo modo alcune partite: sull’erba può essere un fattore fondamentale“.

La preparazione a Wimbledon passa dal Queen’s, torneo che Murray ha vinto in tre occasioni, l’ultima proprio nel 2013: “Non vuol dire che se vinco il Queen’s vincerò anche Wimbledon. D’altra parte, però, è un ottimo indicatore di attitudine all’erba. Se si giocano quattro o cinque partite con la giusta concentrazione, sicuramente l’approccio allo Slam sarà migliore sia sul piano atletico che su quello mentale. Spero di tornare al successo su questa superficie, mi darebbe grande fiducia in vista del prossimo appuntamento“.

Si riparte dalla semifinale di Parigi, persa contro Djokovic: “Personalmente, credo di disputare un buon tennis nell’ultimo periodo. Sono arrivati risultati incoraggianti dai grandi eventi, quindi spero di ripetermi o migliorarmi in quelli più imminenti“. Sullo strapotere di Nole, interrotto da Wawrinka al Roland Garros, Andy ha la sua personale opinione: “A prescindere dalle vittorie di Novak nella prima parte di stagione, credo che il circuito maschile possa dirsi molto equilibrato. Certo, ha vinto praticamente ogni evento a cui ha partecipato, ma la grande tenacia di Stan l’ha messo al tappeto. Non ricordo un tour così equilibrato negli ultimi anni“.

I giochi per Wimbledon, quindi, sono apertissimi: “Basti pensare alla scorsa edizione – continua Murraye al cammino che ha fatto Federer. Molti lo consideravano ormai fuori dal grande giro dello Slam, invece è riuscito ad arrivare in finale e a mettere in crisi Novak. Può succedere di tutto. E non escludo nemmeno qualche sorpresa dagli outsider: ci sono giovani ed interessanti prospetti da seguire, noi della top ten faremo attenzione a qualsiasi tipo di insidia. Saranno settimane emozionanti“.

Grande attesa, dunque, per la fine di giugno. Con il Roland Garros ormai archiviato e la stagione sull’erba pronta ad entrare nel vivo, Wimbledon è lì ad un passo, che attende tutti i protagonisti e gli appassionati. Non resta che prepararsi al grande tennis sui campi della Regina.


Nessun Commento per “MURRAY: "EMOZIONE PER LA STAGIONE SULL'ERBA"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.