MURRAY: “SONO CONTENTO DI COME HO REAGITO”

Andy Murray batte Roger Federer in una semifinale che li ha visti impegnati per 4 ore e 5 set. Lo scozzese sarà di nuovo protagonista di una finale Slam insieme a Novak Djokovic. Federer: “Ho buone speranze per questa stagione”.
venerdì, 25 Gennaio 2013

Tennis. Melbourne (Australia). Alla fine, il tabellone difficile e la maratona di 5 set nei quarti hanno presentato il conto: Andy Murray batte Roger Federer nella seconda semifinale dell’Australian Open, guadagnandosi un posto in campo domenica contro Novak Djokovic.
Federer ha giocato il suo tennis fino alla fine, ha portato il match al quinto senza l’aiuto del suo amato servizio, con il dritto più falloso del solito e con il rovescio indeciso martellato dall’avversario. La grinta e il cuore dello svizzero sono serviti a strappare il servizio a Murray mentre serviva per il match e vincere il tie-break successivo, ma il fisico non ha retto la prestazione dello scozzese, apparso fresco, riposato e deciso a vincere.
“Credi d’aver avuto le mie chance, dopotutto” afferma Federer. “Ovviamente ho fatto errori che avrei potuto evitare, ma Andy è stato un po’ meglio di me stasera, ha fatto un buon lavoro. Comunque sono abbastanza soddisfatto di come ho giocato in questo torneo, mi sono mosso bene e ho accusato meglio del previsto i due match con Tsonga e Andy. Perdere in cinque set, però, è sempre deludente e non è la prima volta che mi accade qui. Ad ogni modo, abbiamo giocato abbastanza bene, anche se penso che entrambi avremmo potuto giocarci meglio qualche punto”.

Sconfitto ma non abbattuto, dalle parole dell’elvetico si evince una grande voglia di continuare a giocare e vincere, un desiderio sempre nuovo di migliorarsi e mettersi alla prova: “Me ne vado da qui con buone sensazioni per l’anno che è appena iniziato. So a che livello è il mio gioco, ho molto più tempo quest’anno per lavorare sul mio tennis e sulla mia forma fisica. Sono molto eccitato per questo.”

“Novak scenderà in campo da favorito” dice in previsione della finale di domenica, “anche se Andy lo ha battuto agli US Open. Certo, Andy ha avuto un cammino semplice verso la semifinale, ma Novak è il campione uscente, ha vinto questo torneo due volte di fila, e penso che abbia più chance. Ha giocato davvero bene durante il torneo, è riuscito a vincere contro Stan (Wawrinka) e a giocare un buon tennis contro Berdych e Ferrer.”

La vittoria di oggi per Murray rappresenta la prima contro Federer in un match del Grande Slam: qui a Melbourne nel 2010 aveva perso in tre set dallo svizzero (in finale), e ancora più recente è la sconfitta subita sull’erba di Wimbledon lo scorso anno. “Sono soddisfatto di essere riuscito a vincere” dice lo scozzese, “ho perso molti match con lui durante gli Slam, e vincere nel modo in cui ho fatto stasera è davvero bello. Sono sicuro che ci incontreremo ancora nei Major, quindi questa partita mi aiuterà molto ad affrontare i match futuri”.

“Penso d’aver fatto un buon lavoro stasera, ho fatto le cose che dovevo fare e le ho fatte bene. Perdere quei due set è stata dura, ma sono contento di come ho reagito in quelli successivi
Murray giocherà per la prima volta una finale Slam con un titolo Major nel curriculum: “Non so se sarà diverso” dice, “spero di sentirmi meglio sul campo, ma comunque giocherò di nuovo contro Novak e sulla sua superficie preferita, quindi sono assolutamente consapevole di quanto sarà dura riuscire a vincere il match. Il campo mi sembra più veloce quest’anno, si possono fare molti punti gratuiti con la battuta se si serve bene. Intendo dire che non c’è molta differenza tra New York e Melbourne, cambia soltanto l’ora di gioco e credo che anche le palle siano diverse.”.


Nessun Commento per “MURRAY: “SONO CONTENTO DI COME HO REAGITO””


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.