MURRAY: “VOGLIO VINCERE GLI US OPEN”

TENNIS – Lo scozzese Andy Murray pensa già ai prossimi Grandi Slam mentre, a Montreal, si prepara a giocare la sua prima partita da campione uscente di Wimbledon.
martedì, 6 Agosto 2013

Tennis, Montreal – Andy Murray ci ha preso gusto. Lo scozzese al momento si trova a Montreal per giocare la Rogers Cup, evento Masters di questa settimana, che come ogni anno rappresenta un’importante tappa in avvicinamento agli US Open al via fra tre settimane. Andy ha cercato in tutti i modi di stare il più lontano possibile dalle luci della ribalta dopo il suo storico trionfo a Wimbledon il mese scorso, godendosi una breve vacanza rigenerante con la fidanzata Kim Sears per poi tornare ad allenarsi a Miami.

Ed è stato proprio durante gli scorsi US Open che Murray ha finalmente vinto il suo primo tanto agognato titolo del Grande Slam al quinto tentativo e, dopo aver messo fine alla lunga attesa della Gran Bretagna per un campione nel singolare maschile a Wimbledon, il 26enne ha rivelato al Daily Mail di volere incrementare il suo bottino.

“Voglio provare a vincere un altro grande slam, voglio cercare di vincerne il maggior numero possibile. Mi ci è voluto molto tempo per vincere il primo slam e voglio darmi un’altra opportunità agli US Open. Ne ho parlato con il mio team pochi giorni fa,” ha detto lo scozzese.

Con il suo trionfo di Wimbledon Murray si è visto riversare addosso attenzioni alle quali un uomo naturalmente timido fatica ad abituarsi e ha rivelato che gli unici due posti nei quali poteva trovare conforto e sfuggirne, nel periodo immediatamente successivo, erano casa sua e l’All England Club.

“Ho trascorso due giorni in casa mia senza uscire. Ero solo con la mia ragazza ed i miei cani. Mi seguivano ovunque così sono rimasto dentro. Sono solo andato a Wimbledon venerdì per raccogliere alcune delle mie cose e ho voluto vedere Doug Dickson, l’assistente di spogliatoio che va in pensione. Non c’era assolutamente nessuno lì ed è strano, ma è stato il posto più tranquillo dove potevo andare,” ha raccontato Andy. “Sono andato e mi sono seduto sul Centre Court, stavano rizollando. Mi sono seduto lì da solo, a riflettere. È stata probabilmente l’esperienza più bella.”

La prima partita di Murray a Montreal sarà probabilmente in doppio con il connazionale Colin Fleming, i due affronteranno Nenad Zimonjic e Julien Benneteau. Nel singolare invece Murray partirà come seconda testa di serie con un bye al primo turno, quindi il primo match sarà contro uno tra Grigor Dimitrov e Marcel Granollers in campo oggi. Lo scozzese ha un buon record in Canada, vincendo il titolo nel 2009 e nel 2010, e quest’anno nel tabellone si trova sul lato opposto a Novak Djokovic e Rafael Nadal. Un buon draw visto che David Ferrer è il giocatore più alto in classifica che affronterebbe prima della finale, mentre Juan Martin del Potro, in formissima e sulla sua superficie ideale, potrebbe rappresentare la più grande minaccia.


2 Commenti per “MURRAY: “VOGLIO VINCERE GLI US OPEN””


  1. Emiliano ha detto:

    Una prece per la lingua italiana.

  2. rudy ha detto:

    murray non vincera gli us open ,ha avuto gia la fortuna di vincerne 2 di slam ,infatti nell anno in cui nadal si infortuna e federer cala di forma ,murry ha into wimbledon m non tutti lo dicono ,ma ha into cn nole in finale che sembrava il numero 1000 al mondo ,ed in semi janowitz ,che quelo lo bTTE ANCHE NADAL AL RIENTRO A MONTREAL ,POI BATTE VERDASCO ,ED ROBREDO ,SE VINCERE CON I FLOP è ESSERE IL MIGLIORE ,NADAL E FEDERER ALLORA SONO I THE BEST ,MURRAY GIA DA CINCINATTI A FUORI PRIMA DELLA FINALE ,E GLI US OPEN NON LI VINCE PERCHE CON UN NADAL COSI LUI NON PUO NULLA


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.