DOHA E UNO SLAM, GLI OBIETTIVI DI NA

Dopo i buoni risultati conseguiti nella prima metà di stagione la cinese Li Na, neo top ten, analizza la situazione e punta in alto
sabato, 10 Luglio 2010

Roma – Dopo aver archiviato la posizione numero 10 del ranking Wta, diventando così la prima giocatrice cinese ad entrare nelle top players, Na Li si sente pronta per infrangere un altro record, ovvero essere la prima atleta del suo paese a vincere un titolo Slam. Nel corso dell’anno Li ha prima raggiunnto le semifinali in Australia, poi il terzo turno a Parigi e i quarti di finale a Wimbledon, perdendo nelle tre occasioni con le vincitrici dei rispettivi tornei (Schiavone e Williams): un risultato che ha allargato gli orizzonti della giocatrice.

Vincere un titolo dello Slam – ha dichiarato la giocatrice a China Daily – è il mio prossimo obiettivo, oramai mi sento pronta per fare ‘il grande passo’. Ho avuto una buona stagione mettendo a frutto le mie qualità ed ora voglio solo migliorare e vincere sempre di più“.

L’atleta cinese, prima di Wimbledon, ha conquistato anche il suo primo titolo sull’erba, battendo in finale la ex numero 1 Maria Sharapova. Grazie ad un buon gioco da fondo campo, un ottimo servizio e una condizione mentale in crescita, la Na ha tutte le qualità per centrare i suoi obiettivi. L’ultimo tassello da perfezionare è però quello che concerne la concentrazione in campo: nel match contro Serena sull’erba di Wimbledon infatti, nonostante abbia avuto a disposizione ben 3 set point, alla fine non è riuscita a concretizzare le sue opportunità, perdendo poi di conseguenza anche il match a causa di una serie di errori non forzati, tra cui due doppi falli.

Nonostante le dichiarazioni ottimistiche, Li non vuole fare speculazioni sulle sue possibilità agli Us Open: “Il mio obiettivo principale, ora come ora, è quello di andare a Doha per il master di fine stagione e divertirtmi. La mia carrierà è stata segnata da alti e bassi, ma quando poi arrivano i risultati il passato non è più così doloroso“.

I suoi fan, con un po’ d’ironia, dicono che alla ragazza manca un po’ di fortuna, ma la giocatrice, forte d’esperienza e motivazione, ha risposto: “Non credo che tutto dipenda dalla fortuna, guardate la Schiavone per esempio, molti dicono che sia stata baciata dalla fortuna, ma la gente non sa quanto sia duro il lavoro che c’è dietro. Davvero non capisco perché dicono questo“.

La cinese ,che si era ritirata dal tour la prima volta a soli 20 anni,  affronta oggi la vita del circuito con una diversa consapevolezza, unita ad una dedizione nuova per il suo sport: “Se non fossi felice non credo che potrei andare avanti a lungo nel tennis, quindi… a voi le conclusioni“.


Nessun Commento per “DOHA E UNO SLAM, GLI OBIETTIVI DI NA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • ULTIMA CHIAMATA Il torneo di Mosca sancirà chi, tra Na Li e Viktoria Azarenka, staccherà l’ultimo biglietto per il Masters di Doha. Invariata invece la classifica WTA.
  • IL RANKING SORRIDE A NA LI Torna al n.10 della classifica Wta la giocatrice cinese dopo il successo di Birmingham. Retrocede dunque di una posizione la nostra Flavia Pennetta. Invariate le altre posizioni di […]
  • RANKING WTA, ERRANI PERDE UNA POSIZIONE Primo aggiornamento di classifica dell’anno dopo i tre tornei che hanno inaugurato la stagione. Tra le Top 10 l’unica novità è l’avvicendamento tra la numero uno italiana e Na Li che si […]
  • L’ULTIMO AUSTRALIAN OPEN DI ANDY MURRAY Andy Murray al suo ultimo Australian Open. Cronaca di un rapporto sfortunato, con 5 finali perse tra il 2010 e il 2016.
  • AUSTRALIAN OPEN, MURRAY: “FORSE CI RIVEDREMO” Lo scozzese esce di scena dai suoi ultimi Australian Open, ma lascia aperto uno spiraglio: "Potrei tornare, anche se è difficilissimo".
  • US OPEN, DAY 6: LE STELLE CONTINUANO A BRILLARE Carrellata di big nel day-six, nessuna delude le aspettative: resta Venus Williams, nel match conclusivo di giornata contro la Siegemund

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.