NADAL: “NON E’ IL WIMBLEDON PIU’ LENTO DI SEMPRE”

Lo spagnolo parla di quanto sia cambiato Wimbledon nel corso degli ultimi anni

Dopo la consueta domenica di riposo a Wimbledon, ecco che iniziano gli ottavi di finale dei Championships. Nadal sfida Sousa, due specialisti della terra rossa, ma col portoghese che difficilmente potrà creare problemi allo spagnolo.

Quest’ultimo si è soffermato sulla superficie e le sue caratteristiche: “Ho sentito dire dagli altri che questo è il Wimbledon più lento di sempre. Vengo qui da 15 anni e sento dire sempre la stessa cosa. Più semplicemente, le sensazioni dei giocatori non sono sempre identiche. Quando uno gioca bene è tutto perfetto, al contrario è colpa del campo. Onestamene non ho rilevato grossi cambiamenti nella superficie, mi sembra sempre la stessa. Sono sempre più pesanti. Il che rende, secondo me, il gioco un po’ più lento. Non è la superficie. Sono le palle più pesanti che su questa superficie raccolgono l’umidità. Ma per me è la stessa superficie del 2003”.

Negli eventuali quarti di finale andrebbe a sfidare, con tutta probabilità, l’ex semifinalista del torneo Querrey.


Nessun Commento per “NADAL: "NON E' IL WIMBLEDON PIU' LENTO DI SEMPRE"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di mAGGIO 2019

  • Serena vede "rosso". Al Foro Italico si è ritirata inaspettatamente per un risentimento al ginocchio, ma "Little Sister" non si arrende e ora punta diritta verso il Roland Garros.
  • Federer torna sulla terra. Anche Roma è rientrata nella programmazione di "King Roger" in vista del French Open. A seguito della sua partecipazione, la Fit ha addirittura aumentato il prezzo dei biglietti!
  • Sinner scatenato. Partito dalle qualificazioni, il 17enne altoatesino ha infuocato gli Internazionali d'Italia! Scoprite la sua storia nell'ultimo numero di Tennis Oggi.