NADAL: “PUBBLICATE TUTTI I MIEI TEST ANTIDOPING”

In una lettera inviata alla Federazione Internazionale, lo spagnolo chiede che venga fatta chiarezza riaffermando la sua totale trasparenza
mercoledì, 27 Aprile 2016

TENNIS – Prima l’azione legale nei confronti dell’ex ministro francese Roselyne Bachelot, ora la “provocazione” di rendere pubblici tutti i suoi test antidoping. Sembra essere proprio stufo Rafa Nadal riguardo alla vicenda delle accuse di doping nei suoi confronti, al punto da aver inviato di proprio pugno una lettera alla Federazione Internazionale, nella quale chiede al massimo organo mondiale del tennis di far conoscere a tutti (addetti ai lavori e non) gli esiti dei controlli effettuati nel corso della sua carriera.

L’ex numero uno del mondo, all’interno della sua lettera, spiega i motivi di questa sua iniziativa ricordando le pesanti accuse ricevute da Roselyne Bachelot lo scorso mese di marzo, quando l’ex ministro francese dichiarò durante una trasmissione televisiva che nel 2012 lo spagnolo era stato a lungo fuori per infortunio perché aveva fallito un test.

“Sono sempre stato pulito – afferma Nadal nel documento – so quante volte sono stato sottoposto ai controlli, sia durante i tornei che al di fuori delle competizioni. Si prega di rendere pubblici tutti i miei test, di far conoscere il mio passaporto biologico e pure tutti i controlli antidoping che ho fatto. Chiedo alla Federazione di comunicare tutti questi dati e anche i risultati che provengono dai laboratori della Federazione stessa”.

Una presa di posizione forte quindi quella del maiorchino, che fa seguito alla querela presentata nella giornata di lunedì 25 aprile nei confronti di Roselyne Bachelot, a testimonianza di quanto Nadal voglia chiudere definitivamente ogni discorso che vede il suo nome collegato al doping. Non a caso, nella parte finale della lettera inviata alla Federazione Internazionale, l’attuale numero 5 del mondo chiede anche che vengano presi provvedimenti concreti anche nei confronti di chi muove accuse così pesanti senza avere alcuna prova, dichiarando che in caso contrario “non si può più essere liberi nel mondo del tennis”.

Bisognerà attendere ora quale sarà la reazione del massimo organismo mondiale del tennis, ma di sicuro quanto fatto da Nadal nelle ultime ore dimostra quanto voglia concentrarsi esclusivamente sul campo, soprattutto dopo i brillanti successi ottenuti al Masters 1000 di Montecarlo e al torneo Atp 250 di Barcellona, con un occhio sempre rivolto al sogno del decimo trionfo al Roland Garros che rimane comunque l’obiettivo più importante e suggestivo da raggiungere.

Nella foto Rafa Nadal (www.zimbio.com)

 

 


Nessun Commento per “NADAL: "PUBBLICATE TUTTI I MIEI TEST ANTIDOPING"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.