NADAL RINUNCIA ALL’AUSTRALIAN OPEN

Dopo il forfait al torneo-esibizione di Abu Dhabi, lo spagnolo dovrà rinunciare anche all’Atp 250 di Doha e soprattutto all'Australian Open, a causa del protrarsi del virus intestinale che lo sta tormentando da una settimana. Lo spiacevole virus non ha permesso allo spagnolo di testare il suo ginocchio e così Rafa ha scelto di non rischiare
venerdì, 28 Dicembre 2012

Tennis. Non si è ancora conclusa l’esibizione di Abu Dhabi, torneo che avrebbe dovuto segnare il rientro di Rafael Nadal dopo sei lunghissimi mesi di assenza forzata dalle scene, che un’altra tegola si abbatte sullo sfortunato tennista maiorchino. Al Jazeera news, il network ufficiale del torneo di Doha, ha infatti annunciato che l’ ‘Indio di Manacor’ , a causa del virus intestinale che lo sta attanagliando ormai da giorni, non potrà dare la sua adesione all’evento, che inizierà settimana prossima. Dunque, anche questa volta, il procrastinarsi dell’agognato rientro di Rafa non è dettato dal suo cronico problema al ginocchio, che lo ha costretto a rinunciare a tutta la seconda parte della stagione 2012.

Ma le brutte notizie per lo spagnolo e per tutto il mondo del tennis, purtroppo, non finiscono qui. Confermando alcune voci che circolavano già da questa mattina, lo spagnolo ha infatti annunciato la sua rinuncia anche al primo Slam della stagione, l’Australian Open. Come per il forfait ad Abu Dhabi, non è il problema al ginocchio a costringere “Rafa” a rinunciare al torneo di Melbourne, ma un fastidioso virus intestinale, che lo sta tenendo lontano dai campi di allenamento e non gli sta permettendo di testare la tenuta del suo ginocchio. Per questo, l’undici volte campione di Slam ha deciso di non rischiare per giocare per forza il primo Major dell’anno.

Le prime parole, dopo la notizia della rinuncia, Nadal le ha diffuse tramite la sua pagina su Facebook: “Il mio ginocchio va bene ed il processo di riabilitazione è andato ottimamente, come avevano previsto i medici. Tuttavia, l’insorgere di questo virus intestinale, non mi ha permesso di allenarmi durante la settimana passata e così sono spiacente di annunciare che non prenderò parte al prossimo torneo di Doha e all’Australian Open, come era inizialmente programmato.

“D’accordo con i medici che mi seguono, e con il mio team” prosegue Nadal, “pensiamo che sia meglio fare le cose per bene e aspettare ancora prima di tornare a giocare. Dovrò aspettare fino al torneo di Acapulco (al via il 25 febbraio, ndr) per tornare alle competizioni, anche se non escludo di giocare un altro evento Atp prima di quello.”

Anche l’Australian Open ha confermato la rinuncia di Nadal, il quale ha rilasciato un breve commento anche per il pubblico di Melbourne: “È stata una decisione difficile per me e sono davvero deluso di perdere la possibilità di partecipare ad un così grande evento. Amo venire a Melbourne e giocare nella Rod Laver Arena davanti ai tifosi australiani. Riescono a tirare fuori il meglio di me. Mi fa molto male pensare di dover aspettare 12 mesi prima di poter tornare a competere in quello scenario. Nel frattempo, proverò disperatamente a rientrare nel circuito.”

Parole di conforto sono arrivate anche dal direttore dell’Australian Open Craig Tiley: “Comprendiamo e condividiamo tutta la sua delusione. Ma senza aver trascorso un tempo sufficiente sul campo di allenamento, per lui è impossibile presentarsi all’inizio del torneo in condizioni fisiche adeguate.”

“Speriamo soltanto di rivederlo nel tour al più presto possibile”, continua Tiley. “Tutti i fan sentono molto la mancanza di Rafa. A tutto lo staff dell’Australian Open mancheranno sia Rafa, che tutto il suo team, perché lui non è soltanto un grande giocatore, ma anche una splendida persona, circondata da uno staff, composto da persone altrettanto valide.Auguriamo a Rafa tutto il meglio. Sono sicuro che lo rivedremo in Australia nel 2014, in prima fila per vincere il torneo.”

Secondo Toni Nadal, zio ed allenatore dell’attuale numero 4 del mondo, la scelta del ritiro è stata suggerita anche da ragioni tecniche e sportive: “Abbiamo considerato non appropriato giocare l’Australian Open, fin quando non avessimo raggiunto una preparazione sufficiente ad affrontare una competizione così importante come un torneo dello Slam. Non era concepibile che il primo evento dopo l’infortunio fosse un torneo dove si gioca al meglio dei cinque set. Rafa non sarebbe stato pronto per questo. Non siamo stati fortunati, ma dopo una lunga pausa, la cosa migliore da fare è andare piano e ricominciare a giocare quando si è pronti veramente.

Ricordiamo che l’ultima partita disputata da Rafael Nadal (e persa contro Lukas Rosol), risale al secondo turno del torneo di Wimbledon, disputato lo scorso 28 giugno.

SEGUONO AGGIORNAMENTI


1 Commento per “NADAL RINUNCIA ALL'AUSTRALIAN OPEN”


  1. rudy ha detto:

    LO SCRIVO IN GRANDE: RAFA HA FATTO BENESSIMO A NON SCENDERE IN CAMPO E SICURAMENTE RIDE ALLE SPALLE DI CHI PARLA MALE DI LUI ED è QUESTO MI PIACE A RAFA ,GIORNALISTI KE DA 10 ANNI IN CRONACA NADAL GLI RIDE DIETRO ED IO CON LUI ,MA TORNANDO RAFA HA FATTO BENE ,SI è ALLENATO ,POI GLI è VENUTO FUORI UN VIRUS ,SAI è NATALE ED HO MAL DI PANCIA ANCHE IO DA 3 GIORNI DUNQUE…MUTI E ZITTI. POI COSA CENTRA SALTARE UN TORNEO COME AUSTRALIAN OPEN KE è IL MENO IMPORTANTE ,IO RITENGO CHE GLI ALTRI 3 SIANO PIU IMPORTANTI E PER RAFA è MEGLIO ,IO RITENGO KE TORNI MEGLIO DI PRIMA,PERKE: 1, HA FATTO RIPOSARE IL GINOCCHIO PE MOLTO TEMPO 2,NON HA SUBITO INTERVENTI CHIRURGICI ,3 NON HA AVUTO ALTRI PROBLEMI FISICI IN QUESTI MESI 3 ,SAPPIAMO DA MEDICI IN VETTA MOLTO ALTA E NON MEDICI ITALIANI KE NON SANNO NULLA ,KE NADAL HA UN FISICO DEVASTANTE E SOOIDO ,INFATTI TORNA SEMPRE E VINCE SEMPRE ,PPI IN ULTIMA RAFA HA UN GIOCO KE GLI è A GENIO è NATO COSI ,NON DIVVENUTO COME MUSTER ,KE HA GIOCATO UN RG è POI è SCOPPIATO ,NADAL è DIVERSO è COME IL TALENTO DI ROGER ,TE LO PORTI SEMPRE DIETRO ED NADAL FISICAMENTE è STATO AIUTATO DA MADRE NATURA è UN MOSTRO ,E SECONDO ME ED ANKE ALTRI FONTI MEDICHE RAFA TORNERA MEGLIO DI PRIMA ,ANCHE PERRCHE NON HA PROBLEMI DI TESTA,E VOI GIORNALISTI ZITTI PER L AMOR DI IO ,SE NON AVETE NULLA DA DIRE STATE ZITTI KE è MEGLIO NON INVENTrvi le notizie ,dai su siete uomini ed non bambini poi si lamentono perche le mogli dei giornalisti gli fanno le corna ,ma 10 corna non 2,a poveri noi con queste palle non si va da nessuna parte ,mentre rafa è quota 11 slam ,e per fortuna ke doveva scppiare nel 2009 detto da giornalisti (((scarsi purtroppo)),che ridere


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.