NADAL TESTA DI SERIE NUMERO 7 AL GARROS

Ufficiale! Al Roland Garros, il nove volte campione Rafa Nadal, sarà testa di serie numero sette. Il maiorchino paga le opache prestazioni sul rosso di questi primi cinque mesi del 2015...
lunedì, 18 Maggio 2015

TENNIS – Adesso è ufficiale. Il quattordici volte campione Slam, Rafa Nadal, non sarà una delle prime quattro teste di serie al prossimo Roland Garros. Il 24 maggio, data di inizio del secondo Grande Slam della stagione, il nove volte campione a Parigi, sarà numero sette del seeding. Il tutto a causa di una stagione sul rosso estremamente negativa dopo i fasti degli scorsi anni per il talento di Manacor, in grande difficoltà nel difendere i punti durante il tour sulla terra in questo scorcio di stagione.

L’occasione, nell’arginare quest’emorragia, gli si è presentata sia nei Masters 1000 di Madrid e Roma, tornei dove Rafa ha dovuto difendere un titolo e una finale (1600 punti in tutto). Ma, prima un mostruoso Andy Murray alla Caja Magica,lo ha stracciato in due set senza storia, poi un ispirato Stan Wawrinka ha fatto lo stesso qualche giorno fa al Foro Italico. Due risultati negativi che hanno spinto lo spagnolo quasi alla coda del ranking maschile, dove l’ottava piazza è occupata al momento dal connazionale David Ferrer.

L’idea che il Garros avrebbe dovuto cambiare la metodologia di scelta delle teste di serie, proprio come accennato dal direttore dello stesso Slam transalpino, non si è concretizzata, forse anche per il timore di nuove ed ulteriori critiche che sarebbero potute arrivare sulle spalle degli organizzatori del torneo, rei di, in questo modo, ‘avvantaggiare’ l’ex numero uno del mondo alla conquista della ‘decima’.

Novak Djokovic, sarà il numero uno a Parigi, seguito da Roger Federer, e da Andy Murray. Lo scozzese di Glasgow, quest’anno, non ha ancora conosciuto cosa significhi perdere sulla terra rossa (campione a Monaco di Baviera e Madrid). Il numero quattro sarà il gigante ceco Tomas Berdych, giocatore che non ha mai fatto meno dei quarti di finale su nove tornei giocati, finendo così in una zona più che privilegiata del ranking.

E poi ci sono gli outsiders. Kei Nishikori, ad esempio, dopo la sua vittoria a Barcellona si è candidato fortemente ad un Open di Francia da assoluto protagonista. Milos Raonic, che ancora non è sicuro di potervi partecipare causa intervento chirurgico al piede destro che lo ha costretto al forfait di Roma, dovesse recuperare sarebbe sempre la solita certezza.

Già, le certezze, quelle smarrite da Rafa Nadal, immerso in un mare di dubbi e incertezze negli ultimi mesi.

Soltanto due volte negli ultimi dieci anni abbiamo visto un Rafa fuori delle quattro teste di serie. Nel 2013, a Wimbledon, lo spagnolo cominciò il torneo da quinto nel tabellone, anche se la sua sconfitta al primo turno contro Steve Darcis, lo fece sprofondare ancor di più. Se andiamo indietro nel tempo, dobbiamo tornare al primo Roland Garros nel 2005, dove pur essendo il quinto nel seeding, si scontrò subito contro un top20.

Con la competitività estrema che attualmente governa la top10 Atp, e guardando anche alle recenti prestazioni di giocatori ritrovati come Berdych, Murray o Nishikori, l’idea di dover affrontare due TOP4 durante il cammino, non deve essere una notizia di quelle da fare impazzire di gioia il mancino. L’idea di vederlo trionfare allo Chatrier e vincere la sua  ‘decima’ è, al momento, storia più complicata che mai…


Nessun Commento per “NADAL TESTA DI SERIE NUMERO 7 AL GARROS”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.