NADAL: “TROPPI INFORTUNI, PENSAVO DI SMETTERE”

Lo spagnolo si confessa parlando dei momenti più difficili della sua carriera
giovedì, 25 Luglio 2019

Nadal in un’intervista a Movistar si racconta parlando dei momenti più ardui del suo percorso nel tennis.

I momenti più difficili sono stati gli infortuni. Ti fanno scomparire l’entusiasmo, attraversi periodo bui e devi cercare di nuovo la luce. Ho attraversato momenti del genere più di quanto sperassi, gli ultimi mesi sono stati più ardui del passato ed è una cosa difficile perché non puoi competere con le stesse possibilità che hanno gli altri. Ma nei tempi tristi, penso sempre alle belle cose che ho vissuto e sono grato alla vita per tutto quello che mi ha dato”.

Il maiorchino ha poi parlato di quanto sia complicato giocare contro un amico in campo: “Quando affronti un amico, devi approcciarti al match come se fosse uno come un altro. Bisogna essere rispettosi ma siamo pur sempre in competizione, è un gioco, il tuo amico gareggia per lo stesso obiettivo. Naturalmente non devi rubare le palle, se lui ti chiama la palla fuori e ti mostra il segno, non credo ti stia ingannando. Nel tennis, ho avuto molti momenti felici. Gli sport ti fanno avere tanta adrenalina. Ma alla fine si tratta di divertirsi con coloro che ami”.


Nessun Commento per “NADAL: "TROPPI INFORTUNI, PENSAVO DI SMETTERE"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.