NALBANDIAN: “LA FINALE DI WIMBLEDON 2002? QUESTIONE DI FORTUNA”.

L’ex tennista argentino, intervistato da Espn, ricorda il suo Wimbledon 2002, quando raggiunse la finale prima di essere sconfitto da Lleyton Hewit. E senza mezzi termini dichiara: “Sono stato fortunato. Non avevo la minima idea di come si giocasse sull’erba”.
lunedì, 3 Agosto 2015

Tennis – David Nalbandian è tornato. Non certo a calcare i campi di tutto il mondo, ma quantomeno a parlare di quello che per buona parte della sua vita è stato il suo mondo: il tennis.

E lo ha fatto durante un’intervista multipla rilasciata a ESPN insieme agli ex colleghi e amici Gaston Gaudio e Mariano Zabaleta.

L’ex tennista originario di Cordoba, in particolare, ha ricordato il suo splendido Wimbledon 2002, edizione in cui da autentico outsider approdò in finale perdendo poi da Lleyton Hewitt. “Non avevo la minima idea di come si giocasse sull’erba” ha esordito confessando di essere stato molto fortunato durante tutto lo svolgimento del torneo.

L’argentino, che ora si dedica ai rally, ha deciso di appendere la racchetta al chiodo sul finire del 2013, ma lascia intendere che il mondo del tennis non gli manca poi così tanto: “Tre volte ho ripreso la racchetta da quando ho lasciato i campi. Ho giocato molto poco. Quando la impugni ricordi bene come si gioca, se non fosse per il fatto che il fisico non risponde. E il giorno dopo sono a pezzi” – scherza. “L’unica cosa che resta è l’idea di come si gioca”.

Ma c’è più ironia che malinconia nelle sue frasi: “Non mi sento a disagio. Ora posso godere di più delle cose che facevo meno quando giocavo. Stare con la mia famiglia, con mia figlia e con il figlio che sta per arrivare”. Sul cui nome, però, Nalba non si sbottona troppo soprattutto quando gli si chiede se il nascituro potrebbe chiamarsi come un tennista. Tuttavia, si lascia andare a una piccola confessione: “Ho iniziato a giocare a tennis durante l’edizione vinta da Boris Becker. Quel successo mi è rimasto in mente”.

Poi arrivano le domande su quella storica edizione di Wimbledon. David Nalbandian eliminò in quell’occasione David Sanchez, Paul Henri Mathieu, George Bastl, Wayne Arthurs, Nicolas Lapentti e Xavier Malisse prima di perdere in finale da Lleyton Hewitt. Quell’affermazione lo consacrò come miglior tennista argentino sull’erba, ma Nalba non pensa di meritare questo “titolo”: “Non avevo giocato nessun torneo ufficiale sull’erba e mi allenavo a Hurlingham, dove i campi sono uguali a Wimbledon. Ma mi allenavo senza sapere come giocare. Abbiamo preso l’aereo per Wimbledon e continuavo a non colpire decentemente la palla”.

Scende poi nei particolari: “Mi allenavo con Schillari e perdevo molto nettamente. Non era uno specialista della superficie, ma giocava bene sulla terra battuta. Io non riuscivo ad adattarmi e non mi sentivo a mio agio. Solo dopo il sorteggio e dopo le prime partite ho scoperto come si giocava sull’erba”.

Poi la botta di fortuna si amplifica al terzo turno: “La fortuna fu ancora dalla mia parte. Dovevo affrontare  Sampras, ma era stato sconfitto da George Bastl. Cosi sono passato agli ottavi dove ho trovato Arthus. Era molto bravo, tosto. Un mancino australiano forte alla battuta e abile a scendere a rete”.

Il passaggio ai quarti di finale gli pone davanti la sfida con Nicolas Lapentti: “Un tennista che predilige la terra battuta. L’ho battuto in quattro o cinque set”. Nel frattempo Richard Kraijcek perde dal giovane Xavier Malisse. L’argentino deve sudare per cinque set prima di sconfiggere il belga ma per lui si aprono le porte della finale e del Centrale di Wimbledon: “Sono stato e continuo ad essere il primo e unico giocatore della storia ad aver giovato il mio primo incontro sul Centre Court in finale”. Una condizione che, certamente, non lo aiuta. Come lui stesso ammette: “questa è stata una sfortuna perché avevo giocato su tutti i campi dell’All England Club, ma sul Centrale, prima della finale, non avevo mai messo piede”.

Foto: Il rovescio di David Nalbandian (www.zimbio.com)


Nessun Commento per “NALBANDIAN: “LA FINALE DI WIMBLEDON 2002? QUESTIONE DI FORTUNA”.”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • RITIRI 2013, ECCO I NOMI ECCELLENTI Al termine della stagione Malisse, Blake, Massu e Nalbandian pongono fine alle rispettive carriere. Ripercorriamo le storie dei quattro ritiri eccellenti del 2013
  • GASTON GAUDIO E IL SUO DEMONE L’ex tennista argentino compie 37 anni. Ha riportato un titolo Slam in Argentina dopo i trionfi di Guillermo Vilas e prima di Juan Martin Del Potro. Ma ha sempre lottato con un nemico ben […]
  • MARAT SAFIN, TALENTO FRAGILE Ex numero uno del mondo, vincitore di due Slam in carriera, il russo è considerato come uno dei migliori talenti che il tennis abbia mai avuto. Un talento che, purtroppo, è rimasto troppe […]
  • SAMPRAS: “LA MIA GENERAZIONE VIVEVA DI SERVE AND VOLLEY” Pistol Pete, intervistato dal Times of India, parla del tennis attuale: “Nessuno gioca dentro al campo”. Il 14 volte vincitore di Slam ha parole dolci per Federer, ma non sembra ottimista […]
  • LI NA : “SARA’ DIFFICILE CONTRASTARE LO SLICE DI ROBERTA” TENNIS – La nostra Roberta Vinci ha regolato ancora una volta Dominika Cibulkova a Wimbledon venerdì scorso, ottenendo la sua quinta vittoria consecutiva sulla slovacca. E approdando così […]
  • DJOKOVIC: “UN PASSO ALLA VOLTA” Tennis - Il numero uno del mondo Novak Djokovic batte il qualificato Bobby Reynolds, ultimo americano del draw, e accede al terzo turno di Wimbledon. "Non bisogna sottovalutare nessun […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.