NARDI: “NON HO ANCORA L’INTENSITÀ DEI PRO”

La giovane promessa del tennis azzurro ha ammesso di non avere ancora l’intensità per competere con i professionisti
giovedì, 22 Ottobre 2020

Tennis. Grazie ad una wild card ricevuta dagli organizzatori del torneo di Anversa, Luca Nardi ha potuto fare il suo esordio assoluto nel circuito ATP.

Dopo aver vinto il primo set contro ogni pronostico, la giovane speranza azzurra si è arresa in tre set al più quotato Marcos Giron.

Dall’inizio fino a metà del secondo set ho avuto un buon livello – ci ha detto Nardi dopo il match -, poi ho avuto un calo fisico che dal 4-4 mi ha portato a perdere facilmente molti punti; diciamo che non sono molto abituato a queste partite. Poi nel terzo set sono calato di colpo.

Lui è un ottimo giocatore, sa fare tutto benino, ma la cosa che mi ha messo più in difficoltà è la sua solidità. Sbagliava veramente poco.

La più grande differenza tra il circuito junior e queste partite? Sicuramente l’intensità. Come potenza, a volte, posso essere anche al loro livello.

Ma come intensità no: sono ancora vittima di troppi alti e bassi e loro sono molto più costanti. Questa è una cosa che devo migliorare sicuramente.

Si migliora con l’allenamento e facendo partite così“. Infine una battuta sul nuovo coach Roberto Antonini, con cui ha iniziato da poco a lavorare.

Lo conosco da tanto tempo perché siamo entrambi di Pesaro. Quando stavo a casa mi dava già una mano, mi sono sempre trovato bene con lui e adesso abbiamo deciso di intraprendere questo percorso insieme. Spero che potremo ottenere ottimi risultati“.


Nessun Commento per “NARDI: "NON HO ANCORA L'INTENSITÀ DEI PRO"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.