NASO SALUTA ORBETELLO

Orbetello. Gianluca Naso non riesce a contrastare la testa di serie numero uno del tabellone e saluta il torneo di Orbetello. Bautista-Agut se la vedrà adesso con Alessio Di Mauro.
sabato, 28 Luglio 2012

Niente da fare. Serataccia e Gianluca Naso è costretto a far passare Bautista-Agut. Capita nel tennis come in tutti gli altri sport. Ma quest’anno forse, al trapanese è rimasta un po’ di amarezza in più, perché sembrava non mancare niente, per fare veramente bene.

Intanto complimenti per come ti sei comportato nel torneo. Nonostante questa sconfitta abbiamo molto apprezzato il tuo gioco, purtroppo stasera è andata male. Come mai?

Naso: Bautista-Agut ha giocato una grandissima partita, ha sbagliato pochissime palle ed è rimasto sempre profondo e lungo, anche nel dritto è stato impeccabile. Io invece non ho sfruttato a dovere tantissime palle per fare il game nel primo set, sprecando due palle break e due palle game. Poi non fa tanta differenza a questo livello. Magari ti trovi 5 a 0 sopra e sei sopravvissuto ad ogni game. Nel secondo set lui ha giocato veramente bene, è andato meglio di me sia tatticamente che fisicamente. Il punteggio a volte non rispecchia il risultato.

Dove è che hai sofferto di più?

Naso: Sicuramente mi ha penalizzato molto il suo gioco profondo e in ogni palla giocata lo vedevo bene, arrivava a rispondere sempre senza errori. D’altra parte arrivare a essere il 120 al mondo non succede così da un giorno all’altro. E’ un ottimo giocatore.

Per caso hai avuto qualche problema con il campo?

Naso: A un certo punto ti abbiamo visto particolarmente arrabbiato a ridosso della rete. Il campo era ottimo, ero nervoso perchè sono stato sfortunato su qualche riga. Pensa che stasera sono stato calmissimo. Ci può stare lo sfogo quando una palla va male, ma a conti fatti credo di essere stato sempre lucido. Lo scorso 15 luglio hai vinto il tuo primo Challenger, a San Benedetto.

Che emozione ti ha dato arrivare sul gradino più alto del podio di un torneo di questa categoria?

Naso: È stato stupendo. L’ultima finale l’avevo giocata quattro anni prima ed è stato bellissimo perchè non ero mai riuscito a guadagnarne un’altra in quattro anni. Ero tesissimo ed ho giocato una grandissima partita. Sono riuscito a restare calmo ed a gestire tutte le emozioni. A San Benedetto c’era un’atmosfera particolare, abbiamo giocato sempre in serale e il pubblico affollava sempre le tribune. Una bella annata e a parte il torneo vinto a San Benedetto, sono soddisfatto dei risultati. Ho raggiunto il mio best ranking e mi sento molto migliorato su tanti aspetti sia a livello fisico che mentale. Sono consapevole che devo migliorare ancora tante cose, come la risposta, il servizio lo devo perfezionare. Adesso sono superpositivo perchè sto attraversando un periodo molto buono. Spero di continuare così per raggiungere risultati ancora migliori e arricchire il mio bagaglio tecnico. Spero di ritornare il prossimo anno a Orbetello cresciuto.

Quali sono i prossimi tornei cui prenderai parte?

Naso: Mi aspettano due tornei da 85.000 € tra San Marino e Cordenons, poi le qualificazioni degli Us Open, il mio torneo preferito. Infine un altro 85.000 € a Genova. Tutti tornei molto prestigiosi. Mi servono ancora punti, così come mi serve confrontarmi con altri atleti veramente forti per crescere in classifica. Gli obiettivi per il futuro? Sono scaramantico e preferisco non parlarne per paura che non si avverino. Quello che succederà, succederà.

Adesso che sei uscito puoi sbilanciarti: qual’è la finale che vedremo?

Naso: In semifinale succede di tutto e tutto diventa imprevedibile, vedi oggi l’infortunio di Korolev: la stanchezza incide. Saranno due belle battaglie perchè sono tutti giocatori tosti. Alessio Di Mauro è quello con più esperienza, diversamente dagli altri riesce a gestire molte situazioni. É il paziente del gruppo. Gli altri sono più giovani e sicuramente avranno una ripresa più veloce di lui. Insomma è tutto ancora da vedere. Nel tennis non si può mai scommettere.


Nessun Commento per “NASO SALUTA ORBETELLO”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • I TRE MOSCHETTIERI Orbetello. Tre italiani approdano ai quarti nel Challenger di Orbetello. Di Mauro, Viola e Naso affronteranno oggi rispettivamente Korolev, Pedro Sousa e Bautista-Agut
  • PER VOLANDRI E’ BUONA LA PRIMA Filippo non tradisce e supera Di Mauro all’Atp Orbetello Challenger. Bella affermazione di Matteo Viola, che a sorpresa supera il russo Donskoy. Martedì è il giorno di Paolo Lorenzi
  • TRANI: E’ L’ORA DI ALBERTO BRIZZI E’ l’unico azzurro in lizza per le qualificazioni, da domani il via. Pronti alla pugna Matteo Trevisan, Gianluca Naso, Andrea Arnaboldi, Marco Crugnola, Alessio Di Mauro, Matteo Viola e […]
  • TORINO: BENE STARACE, BOLELLI E SEPPI Conclusi i primi turni al challenger di Torino. Sei gli azzurri qualificati per gli ottavi di finale, tra cui spicca il derby tra Simone Bolelli e Andreas Seppi. Bene anche Starace e Volandri
  • STARACE AVANZA, VOLANDRI NO A Bucarest destini diversi per i due azzurri impegnati nella giornata inaugurale. Vince facile Potito (6-3 6-0 a Chardy) mentre esce di scena a sorpresa Filippo Volandri (3-6 6-1 6-3 da Bachinger)
  • SETTE SORTEGGI PER SETTE ITALIANI Cipolla, Lorenzi, Bolelli e Di Mauro affrontano le qualificazioni di Wimbledon da teste di serie. A loro si aggiungono Naso, Viola e Crugnola. Scopriamo cosa ha riservato loro l'urna

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.