NASTASE GUIDA LA RISCOSSA: CAPITANO DI FED CUP DELLA ROMANIA

Ilie Nastase a 71 anni diventa per la prima volta capitano di Fed Cup della sua Romania: il percorso sarà lungo ma ambizioso
sabato, 22 Ottobre 2016

Tennis. Non è mai troppo tardi. Superati i 70 la leggenda del tennis rumeno, la più grande che sia mai nata da quelle parti, ha deciso di accettare la proposta di diventare nuovo capitano della selezione femminile rumena, scesa nel World Group II. Un baratro inaspettato per una generazione forse mai così florida come negli ultimi anni. Ben 4 giocatrici in top 100, con la stella Halep a guidare un gruppo che vede in fila altre ottime giocatrici quali la Begu, Niculescu e la Cirstea. Tutte anche piuttosto giovani e sopra gli anni ’90, eccezion fatta per la penultima.

Ilie Nastase avrà il non impossibile compito di riportare nel tabellone principale la squadra di Fed Cup, che debutterà il prossimo mese di febbraio proprio nella sua città natale, a Bucarest, contro il Belgio. Le ambizioni della Federazione vanno però ben oltre la semplice promozione: “Questa decisione fa parte del nuovo progetto della federazione, Nastase rispecchia tutti i valori del tennis rumeno per una squadra che ha chance concrete di tornare nel World Group e anche di vincere la Fed Cup“.

Per il vincitore di due titoli Slam in singolare e tre in doppio si tratta del primo incarico in assoluto di questo genere: lui che terminata la carriera di giocatore ed ex n.1 al mondo aveva intrapreso la strada politica prima e di scrittore poi, esattamente di un thriller ambientato nel mondo tennistico.


Nessun Commento per “NASTASE GUIDA LA RISCOSSA: CAPITANO DI FED CUP DELLA ROMANIA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.