NEDOVYESOV, DALL’UCRAINA E GLI STATES AL MIRACOLO DAVIS

La storia di Aleksandr Nedovyesov, artefice della sconfitta dell'Italia nel weekend di Astana dopo il successo valso il 3-2 su Fabio Fognini
lunedì, 9 Marzo 2015

Tennis. Nel rocambolesco weekend kazako, che ha sancito l’eliminazione al primo turno della Nazionale italiana in Coppa Davis, oltre all’ormai sempre decisivo Mikahil Kukushkin, si è preso prepotentemente il ruolo di eroe nazionale il 29enne Aleksandr Nedovyesov, personaggio non molto famoso ai più la cui storia ha comunque molto da raccontare sulla strada che lo ha portato da Alushta in Ucraina, sua città di nascita, al successo di Astana su Fabio Fognini dopo un match dalle mille facce.

 

Se molto di lui si potrebbe non sapere, è a causa del fatto che gran parte della sua carriera, fino a pochi anni fa, ha avuto luogo tra i campi da gioco americani, quando con la Oklahoma State, che ha frequentato dal 2007 al 2011, si è distinto per come “National Player of the Year” nel 2009 realizzando uno score di 37 vittorie e 7 sconfitte, ottenendo anche una apparizione su Sport Illustrated nello stesso anno, prima di tornare al circuito ATP a tempo pieno; 205 del mondo nel 2012 e da lì sempre più in alto, con il suo best ranking che dice N.72 nell’aprile 2014, pochi mesi dopo il cambio di nazionalità da ucraino a kazako avvenuto nel gennaio del 2014.

Il 2014 è stato l’anno delle grandi conferme per lui, con la conquista del secondo turno sia al Roland Garros che agli U.S.Open oltre alla finale nel Challenger di Bergamo, persa da Benoit Paire, ed ai grandi risultati ottenuti in Davis, con il successo in coppia con Andrey Golubev contro Stan Wawrinka e Roger Federer nella scorsa edizione e la vittoria decisiva di domenica contro Fognini.

 

Giocatore di seconda fascia, autore della partita della vita e semplice fortunato: in molti hanno provato a definire l’ex ucraino dopo l’exploit del quinto incontro al primo turno del World Group, eppure Aleksandr sembra qualcosa in più di tutte queste definizioni, spesso date anche da un’eccessiva dose di rabbia post-sconfitta. Un Golubev sottotono gli ha spalancato le porte del singolare, e se le posizioni tra lui e Fognini erano 108, Nedovyesov ha dimostrato di sapersi ben comportare anche nei momenti di superiorità del suo avversario, sapendo fare il suo nonostante il pronostico fosse tutto contro.

Di errori ne ha fatti e anche di gravi, come Fognini d’altronde, ma lo spirito di chi riesce a fare bene in una partita del genere, quando fino a poco prima neanche si doveva scendere in campo, deve andare oltre alle semplici analisi statistiche, e ad essere proprio obiettivi, oltre anche al famoso “come sarebbe andato se”, visto che se fosse stato Fognini a portarsi a casa la partita le carte sul tavolo sarebbero ben diverse.

 

La differenza di livello, soprattutto sul duro indoor, non è la stessa che riportano i numeri, e ancora tanto passerà tra un risultato annunciato alla vigilia e un’exploit che diventa assolutamente impossibile, con una carriera partita da vicino ma giunta anche molto lontano che ha insegnato quanto possano regalare gli sforzi di una vita, anche lontano dai riflettori e dai telecomandi della gente.

Aleksandr ha vinto tante partite in vita sua e questa può considerarsi una delle più importanti; riconoscere i meriti altrui può sicuramente aiutare a cambiare in meglio, come ha fatto lui e come molti dovrebbero fare sotto tanti punti di vista.

 

Foto: Aleksandr Nedovyesov (foxsports.com)


Nessun Commento per “NEDOVYESOV, DALL'UCRAINA E GLI STATES AL MIRACOLO DAVIS”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • BARAZZUTTI: “RISULTATO BUONO” Il capitano azzurro è soddisfatto dopo la prima giornata ad Astana, nonostante la sconfitta di un Bolelli molto deluso. Raggiante Seppi, dopo la bella vittoria che ci ha permesso di […]
  • DAVIS: BARAZZUTTI SCEGLIE SEPPI E BOLELLI Si è svolta ad Astana la cerimonia di sorteggio del match tra Kazakhstan ed Italia. Aprono la sfida domani alle 7.00 italiane, Simone Bolelli e Mikhail Kukushkin, a seguire Andreas Seppi […]
  • KUKUSHIN BESTIA NERA, IL KAZAKISTAN TROVA IL 2-2 Il numero 58 del mondo, dopo Bolelli, surclassa in tre set anche Seppi, con la sfida che rimane equilibrata, come venerdì, soltanto nel primo parziale. Decisivo a questo punto il quinto […]
  • BARAZZUTTI: “MAI VISTE TANTE CHIAMATE SBAGLIATE” Il capitano azzurro è soddisfatto per la vittoria ottenuta in doppio dai suoi ragazzi, ma è anche molto arrabbiato per le tante chiamate sballate dei giudici di linea, tutte a favore dei […]
  • ITALIA-GB: IL DOPPIO VA A FLEMING-MURRAY TENNIS - La Gran Bretagna si porta sul 2-1 dopo il successo di Fleming e Murray su Fognini e Bolelli, maturato in quattro parziali. Domani ci sarà bisogno dell'impresa in singolare.
  • QUARTI DI DAVIS: SVIZZERA – KAZAKHSTAN Preview dell'incontro valevole per i quarti di finale di Davis Cup tra Kazakhstan e Svizzera.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.