NEXT GEN ATP FINALS, QUINZI SALUTA MILANO PERDENDO CON CHUNG

L'azzurro, nel remake della finale juniores di Wimbledon di quattro anni fa (che allora vinse) ha ceduto in cinque set al coreano dopo oltre due ore di gioco ricche di spettacolo ed emozioni
giovedì, 9 Novembre 2017

TENNIS – L’eliminazione dalle Next Gen Atp Finals era già scritta, ma Gianluigi Quinzi ha voluto salutare Milano a testa alta con una prestazione da applausi, grazie alla quale ha sfiorato la vittoria contro un avversario per lui sicuramente particolare. Dall’altra parte della rete infatti c’era quel Hyeon Chung che nel 2013 aveva battuto nella finale del torneo juniores di Wimbledon,  e stavolta è stato il coreano a vincere, ma solo dopo cinque set molto tirati (1-4 4-1 4-2 3-4 4-3 il punteggio finale) nei quali l’azzurro ha messo in campo tanto carattere e moltissimi colpi spettacolari dai quali può ripartire per cercare di fare il definitivo salto di qualità che tutti si aspettano da lui.

LA PARTITA

Nel primo set l’azzurro è salito subito sul 2-0, sfruttando anche i due doppi falli consecutivi commessi dal suo avversario nel secondo game, e poco dopo ha portato a casa il parziale sul 4-1 con buona disinvoltura, gestendo bene i successivi turni di battuta. Nel secondo set però Chung ha reagito, portandosi sul 3-1 grazie al break ottenuto nel quarto game, nel quale l’azzurro ha accusato un leggero passaggio a vuoto segnato da un paio di errori di troppo da fondo campo, e in pochi minuti il coreano si è assicurato la frazione sul 4-1. Nel terzo parziale poi Chung ha ottenuto un altro break aggiudicandosi il deciding-point del terzo gioco, grazie al rovescio incrociato di Quinzi finito in rete che gli ha permesso di salire sul 2-1 e servizio, e dopo essere andato sul 3-1 con un turno di battuta molto solido il coreano ha messo ancora una volta in difficoltà Quinzi in risposta, portandosi sul 15-40. L’azzurro però non ha mollato, e grazie a due punti consecutivi che hanno scatenato gli applausi del pubblico di Milano è riuscito ad annullare i primi due set-point recuperando fino al 40-40, per poi vincere anche il successivo deciding-point con il quale è rimasto in scia sul 3-2. Quindi, nel sesto game Quinzi ha avuto un’altra chance importante, forzando un altro deciding-point che avrebbe potuto rimetterlo in carreggiata sul 3-3, ma un rovescio lungo linea finito fuori di pochi centimetri ha regalato al coreano il set sul 4-2.

Nonostante il punteggio negativo però l’azzurro ha cercato di reagire, tanto che nel secondo game del quarto parziale ha sprecato un ulteriore deciding-point che avrebbe potuto proiettarlo sul 2-0, ma sul 2-2 è stato Chung a riuscire ad ottenere il break, grazie tra l’altro ad una splendida volée di dritto che ha messo fuori causa il tentativo di passante di Quinzi. Dopo il cambio di campo però l’azzurro ha avuto comunque la forza di conquistare il contro-break del 3-3, vincendo un deciding-point che per il coreano ha rappresentato anche un match-point, e nel successivo tie-break ha dato fondo a tutte le sue energie, portandolo a casa 8 punti a 6 (dopo aver avuto un primo set-point sul 6-5) sfruttando il doppio fallo commesso da Chung proprio nel momento decisivo. Nel quinto e decisivo set quindi entrambi i giocatori hanno gestito bene i primi due turni di battuta, poi Quinzi ha recuperato da 30-40 vincendo un deciding-point che gli ha permesso di portare a casa il game del 2-2, e nel sesto ha fatto altrettanto allungando la sfida al tie-break dopo aver annullato altri due match-point. A quel punto l’azzurro ha cercato di sfruttare l’inerzia positiva appena conquistata, ma Chung si è portato sul 6-3 e alla prima chance ha chiuso i conti 7 punti a 3 assicurandosi vittoria e passaggio alle semifinali a punteggio pieno.

(Nella foto Gianluigi Quinzi – www.zimbio.com)


Nessun Commento per “NEXT GEN ATP FINALS, QUINZI SALUTA MILANO PERDENDO CON CHUNG”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.