NEXT GEN ATP, A MILANO PER I PROSSIMI 2 ANNI

Ottime notizie per il movimento italiano, che ospiterà per i prossimi due anni le Next Gen Atp Finals

Tennis. Fino al 2019 Milano e l’Italia saranno la casa ufficiale dei campioni del domani, presenti in occasione delle Next Gen Atp Finals. La prima edizione è stata un successo pazzesco, vinta dal coreano Chung: quest’anno il taglio dei partecipanti vede uscire i 1996.

Alcune novità, fra tutte la più singolare riguarda gli asciugamani. I raccattapalle saranno finalmente sollevati dall’obbligo di fornire l’oggetto ad ogni richiesta dei giocatori: a bordo campo sarà quindi posto un poggia asciugamani al quale i tennisti potranno recarsi in caso di necessità: qualora ciò dovesse far perdere troppo tempo, superando i canonici 25 secondi, si incorrerebbe nel penalty point.

Così ha parlato Kermode, capo Atp: “C’erano almeno altre cinque città candidate ma l’entusiasmo mostrato da Milano durante le prime discussioni è stato unico. L’edizione di quest’anno ci aiuterà a capire quali cambiamenti potranno, eventualmente, essere implementati nell’ATP World Tour a partire dal 2019 o dal 2020“.

La prima edizione è stato un successo, anche per il livello alto dei partecipanti, ribadisce Kermode: “Ci aspettavamo giocatori tra la 300esima e la 400esima posizione mondiale, e invece quest’anno almeno la metà dovrebbero essere tra i primi 50 al mondo“.


Nessun Commento per “NEXT GEN ATP, A MILANO PER I PROSSIMI 2 ANNI”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.