NEXT GEN ATP FINALS, LA PRIMA VITTORIA E’ DI MEDVEDEV

Il russo ha battuto il connazionale Karen Khachanov in quattro set (2-4 4-3 4-3 4-2) al termine di un incontro di altissimo livello

TENNIS – E’ di Daniil Medvedev la prima storia vittoria della prima edizione delle Next Gen Atp Finals in corso di svolgimento nella splendida cornice del padiglione 1 della Fiera di Milano. Il russo infatti ha aperto il Gruppo B battendo il connazionale Karen Khachanov 2-4 4-3 4-3 4-2, al termine di un match in cui, dopo un inizio un po’ contratto, ha trovato il suo ritmo da fondo campo e ha portato a casa la vittoria a suon di rovesci vincenti e di prime di servizio molto potenti. Medvedev quindi è sembrato trovarsi a suo agio con le innovative regole di questa competizione (set sulla distanza dei 4 game, tie-break sul 3-3, deciding-point sul 40-40, “no-let” ovvero non viene chiamato il tocco del nastro sul servizio, “hawk-eye live” vale a dire assenza di giudici sedia e chiamata del “falco” in tempo reale su ogni palla, massimo 25 secondi per servire dopo la fine del punto precedente), che hanno regalato al pubblico milanese sicuramente una sfida molto dinamica, snella e avvincente. C’è stato poi anche un simpatico episodio salutato da tutti con un sorriso in cui il giudice sedia Bernardes, probabilmente a causa dell’abitudine, ha chiamato un “let” su un servizio di Medvedev, ma lo spettacolo è stato comunque assicurato.

LA PARTITA

Il primo set si è aperto subito con un deciding-point, portato a casa da Khachanov che si è assicurato così anche il primo break dell’incontro, confermato dopo il cambio di campo dall’attuale numero 45 del mondo grazie ad un altro punto decisivo, vinto sul 40-40 con una prima di servizio molto potente che gli ha permesso di salire sul 2-0. Medvedev però non ha mollato, procurandosi nel sesto game ben quattro chance di ottenere il contro-break del possibile 3-3, ma Khachanov è riuscito a recuperare da 0-40 a suon di vincenti e ha conquistato il primo parziale sul 4-2. Nel secondo set poi l’equilibrio è stato maggiore, visto che si è arrivati al tie-break dopo sei game in cui si è materializzato un solo deciding-point, che per Medvedev ha rappresentato anche un set-point visto che era avanti 3 giochi a 2, ma l’attuale numero 65 del mondo non si è perso d’animo per l’occasione persa aggiudicandosi la successiva frazione 8 punti a 6, dopo aver sprecato anche un primo set-point sul 6-5, riuscendo così a rimettersi pienamente in partita.

Nel terzo parziale quindi Medvedev ha continuato a spingere sull’acceleratore, strappando il servizio al suo avversario nel terzo game, ma Khachanov ha risposto immediatamente portando a casa il contro-break del 2-2, vincendo un deciding-point molto spettacolare nel quale si è difeso alla grande dalle bordate di dritto del suo avversario fino ad indurlo all’errore. Khachanov poi ha salvato una palla break aggiudicandosi un altro deciding-point che gli ha permesso di conservare il turno di battuta del 3-2 in suo favore, ma nel successivo tie-break Medvedev ha giocato molto meglio, assicurandoselo 7 punti a 3 dopo essere stato avanti anche 6-1, grazie ad una serie di vincenti da fondo campo e ad un paio di errori di troppo del suo connazionale. Medvedev quindi ha iniziato il quarto set tenendo il primo turno di battuta nonostante i due doppi falli commessi, e sul 2-1 i suo favore ha chiamato l’intervento del fisioterapista per un problema al polpaccio destro e alla coscia sinistra, massaggiati poi dal medico anche sul cambio di campo del 3-2, ma non ne ha risentito particolarmente visto che ha giocato un sesto game da applausi con il quale ha chiuso i conti sul definitivo 4-2 tra gli applausi del pubblico di Milano.

(Nella foto Daniil Medvedev – www.zimbio.com)


Nessun Commento per “NEXT GEN ATP FINALS, LA PRIMA VITTORIA E' DI MEDVEDEV”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2019

  • Sinner scatenato. Partito dalle qualificazioni, il 17enne altoatesino ha infuocato gli Internazionali d'Italia! Scoprite la sua storia nell'ultimo numero di Tennis Oggi.
  • Che caratteraccio Daniil! Medvedev ha un temperamento a volte iroso che lo rende poco simpatico, ma il suo tennis imprevedibile che non piace agli avversari piace molto al pubblico...
  • Il grande talento di Bianca. La Andreescu è la prima tennista nata nel Terzo Millennio capace di conquistare un titolo Slam. Ci è riuscita agli US Open sulla pericolosissima beniamina di casa Serena Williams.
  • Un secolo di gloria. Lo storico Circolo Canottieri Roma ha compiuto 100 anni e ha festeggiato con una favolosa festa alla quale sono intervenuti 500 soci ed ospiti illustri del mondo sportivo, artistico e culturale. A concludere la serata dei sontuosi fuochi d'artificio.