NICOLE VAIDISOVA, IL RITORNO DELLA BABY PRODIGIO

Torna una delle maggiori protagoniste di inizio millennio, Nicole Vaidisova: ritiratasi ad appena 20 anni fra problemi fisici e delusioni amorose, si riaffaccia al grande tennis ancora 25 enne
giovedì, 18 Settembre 2014

Tennis. Nicole Vaidisova è tornata, ed è un bene per tutto il movimento tennistico. Faceva tristezza pensarla ai box poco più che ventenne, fra infortuni continui, un divorzio già sulle spalle e motivazioni già esaurite. Per chi come lei vanta record di precocità di tutto rispetto, tornare a 25 anni può essere ancora il momento giusto. Per tornare a vincere e stupire, dentro il campo questa volta.

Da qualificata al torneo di Vancouver si aggiudica il trofeo diventando la sesta più giovane campionessa in un torneo singolare della storia della WTA (15 anni, 3 mesi, 23 giorni), era nata una stella e cene saremmo accorti presto. Fra il 2006 ed il 2007 arriva in semifinale a Parigi e Melbourne, centrando i quarti a Wimbledon anche nel 2008. Tutto questo, incredibile a dirsi, ad appena 17 anni e con un best ranking da n.7 al mondo. Poi il 2008, l’inizio del declino, prima l’uscita dalla top 20 e lentamente quella dalle top 100 fino a sprofondare alla n.176 nel 2010.

E’l’anno ufficiale del ritiro: troppe sconfitte per una che era diventata grande a soli 15 anni e dinnanzi alla quale sembrava dovessero esserci solo cose belle. Finiscono le motivazioni e gli stimoli per rialzarsi dalla lunga serie di infortuni, poi la mazzata finale. Secondo molti tutto ha inizio sul finire del 2007, l’incontro con Radek Stephanek, la coincidenza fra il loro fidanzamento e la fine dei suoi risultati è pazzesca. Si sposano nel 2010, quando la ceca si ritira, divorziano a giugno 2013. Tutto era finito con il loro incontro, tutto ricomincia esattamente con la loro separazione. Pochi mesi dopo, febbraio 2014, la Vaidisova annuncerà il ritorno sui campi da tennis.

Il rientro avviene nel torneo ITF di Albuquerque dove accetta una wild card per il tabellone principale e batte al primo turno Sesil Karatancheva per 6-3, 6-4.  “Non so come andrà, ma indifferentemente dal risultato, so che sarò fiera di me per aver dato tutto e per la persona che sono diventata dopo tutto quello che ho passato”, erano state le sue parole alla vigilia. Un match partito al rallenty, come facilmente prevedibile, ma nel corso della partita ha fatto valere la maggiore classe ed un dritto che subito si è dimostrato all’altezza, da sempre infatti il colpo preferito della ceca.

La partenza è stata buona, l’età è ancora dalla sua, distrazioni e infortuni permettendo: ben tornata Nicole!


Nessun Commento per “NICOLE VAIDISOVA, IL RITORNO DELLA BABY PRODIGIO”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.