SERBIA E STATI UNITI SUL 2-0, MALE LA SPAGNA

David Goffin, in vantaggio di due set, perde il primo match in Coppa Davis facendosi recuperare da Viktor Troicki. Bene Novak Djokovic che ha gioco facile su Olivier Ruchus. Sul 2-0 anche gli Stati Uniti contro Brasile. Male gli spagnoli, subito sullo 0-2 contro il Canada
venerdì, 1 Febbraio 2013

Belgio-Serbia: Per il Belgio è proibitivo sulla carta lo scontro con la Serbia, soprattutto per via della presenza in squadra di Novak Djokovic. Eppure le cose iniziavano a mettersi bene per David Goffin nel match contro Viktor Troicki. Il belga infatti si era portato in vantaggio di due set in modo piuttosto netto (6-1 e 6-3). Pessime le statistiche al servizio per entrambi i contendenti: al primo set solo il 44% di prime palle sia per il belga che per il serbo, la differenza l’ha fatta l’86% di prime e il 67% di seconde trasformate per Goffin che non concede nessuna palla break. Non migliorano di molto le statistiche nella partita successiva con il 48% di prime per Goffin e il 58% per Troicki. Anche qui la maggiore precisione del belga al servizio gli consente di portare a casa il secondo set. Al terzo Troicki riesce subito ad andare in break sull’avversario e a portarsi quindi sul 2-0: in tutto il game ci saranno due break per parte e nonostante il serbo ne conceda ben 6, Goffin non riesce a strappargli ulteriormente il servizio. Il set è chiuso da Troicki dopo un tie-break equilibrato (7-5). Dal quarto set il giovane belga inizia a perdere la strada: migliorano al servizio entrambi i giocatori, che ora si portano sopra al 60% di prime. Anche questa volta Goffin ha ben tre palle break delle quali ne sfrutterà una soltanto. Più concentrato il suo avversario che approfitta delle due concesse dal belga e può così chiudere il quarto set sul 6-4. Decisivo quindi il quinto set, in cui Goffin cede di schianto: solo il 39% di prime e 16 errori non forzati fanno la differenza contro un Troicki che sfrutta l’unica palla break a disposizione in tutto il set per rimanere avanti quanto basta per chiudere il set sul 6-4 e, di conseguenza, il match.

Molto più facile il compito di Novak Djokovic contro Olivier Rochus. Il numero uno del mondo e fresco campione di Melbourne ha messo in cascina il secondo singolare per la Serbia in appena 1:39. Nel computo totale del match anche in questa occasione non registriamo grandissime prestazioni al servizio: Novak Djokovic mette in campo soltanto il 64% di prime, trasformate però per il 91%. Dato determinante insieme ai 59 vincenti. Primo set un po’ più falloso per il serbo rispetto a quello dell’avversario: Nole può viaggiare comunque tranquillo grazie all’evidente differenza a suo favore nelle forze in campo. La seconda partita è quella dove il serbo sfoggia maggior sicurezza vincendo tutti i punti sulle prime di servizio. Normale amministrazione è invece il terzo set che chiude 6-2 portando il punteggio sul 2-0 per la Serbia. Le speranze di sopravvivenza Belgio sono ora tutte nelle mani del doppio Bemelmans/Darcis che domani giocherà contro Troicki/Zimonjic.

Canada-Spagna: Si mette subito male per gli iberici, privi della testa di serie David Ferrer. Persi entrambi i singolari della prima giornata, ora ripongono le speranze di sopravvivenza in Coppa Davis nel doppio Granollers/Lopez vincitore degli ultimi Masters. Albert Ramos regge soltanto un set contro Milos Raonic, riuscendo a strapparlo al canadese al tie-break. Dopo è un assolo da triplo 6-4 per il suo avversario, che arriva al quarto set sfoggiando un notevole 88% sulle prime palle, l’82% delle quali trasformate in punto ed una precisione totale sulle seconde.

Male anche Marcel Granollers che perde in tre set contro Frank Dancevic (numero 166 del mondo) in 1:48. Statistiche da brivido per lo spagnolo che chiuderà con ben 38 errori forzati e solo 13 vincenti, a fronte di una prestazione al servizio davvero modesta (52% sulle prime) e nessuna palla break sfruttata sulle ben 13 avute in dono dall’avversario. 6-1, 6-2, 6-2 il risultato finale

USA-Brasile: Sam Querrey vince la partita d’esordio contro Thomaz Bellucci in tre set. Per i primi due set l’americano sfoggia un servizio di tutto rispetto (oltre il 70% nelle prime) piazzando 15 ace in tutto il match e non darà al brasiliano alcuna opportunità per farsi strappare il servizio. Tre palle break sfruttate per Querrey, una per set, su sei totali che sono sufficienti a chiudere il match col risultato di 6-3, 6-4, 6-4.

Impiega due ore esatte John Isner a conquistare il secondo punto per gli Stati Uniti dopo aver battuto Thiago Alves. Decisivi i suoi 32 ace per concludere una partita equilibrata solo al secondo set, giunto al tie-break. Nella giornata di domani i fratelli Bryan si scontreranno contro la coppia Melo/Soares.

Ulteriori aggiornamenti alla conclusione degli incontri Canada-Spagna che si giocheranno nella serata italiana.

 

Viktor Troicki d. David Goffin 1-6, 3-6, 7-6(5), 6-4, 6-4
Novak Djokovic d. Olivier Ruchus 6-3, 6-2, 6-2

Milos Raonic d. Albert Ramos 6(5)-7, 6-4, 6-4, 6-4
Frank Dancevic d. Marcel Granollers 6-1, 6-2, 6-2 

Sam Querrey d. Thomaz Bellucci 6-3, 6-4, 6-4
John Isner d. Thiago Alves 6-3, 7-6(4), 6-3

 


Nessun Commento per “SERBIA E STATI UNITI SUL 2-0, MALE LA SPAGNA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.