NOTTINGHAM, UN TROFEO PER ELENA BALTACHA

Nella manifestazione del circuito femminile, la vincitrice verrà premiata con un riconoscimento alla memoria della tennista inglese, di origine ucraina, scomparsa per un cancro al fegato esattamente un anno fa
martedì, 5 Maggio 2015

TENNIS – Un anno fa, il 4 maggio 2014, se ne andava Elena Baltacha. Il cancro al fegato diagnosticato dodici mesi prima non le ha dato scampo, strappando una lacrima e un pezzo di storia agli appassionati del tennis, in particolar modo quelli britannici. E proprio dalla terra che l’ha adottata arriva uno speciale riconoscimento alla sua memoria, che verrà svelato nel prossimo torneo di Nottingham.

L’evento del circuito femminile, in programma tra un mese, vedrà l’assegnazione di un premio alla vincitrice del primo match del torneo che, oltre all’ovvio pass per il turno successivo, riceverà anche il neonato Elena Baltacha Trophy. Il tutto per non dimenticare la tennista inglese, di origine ucraina, come dichiarato dal suo coach e marito Nino Severino: “La perdita di Elena è un dolore che porterò con me per tutta la vita, ma è bello vedere che la gente abbia ancora il suo ricordo vivo negli occhi. Noi stiamo facendo il massimo con la nostra accademia di tennis a lei intitolata, avvicinando tanti bambini al tennis, e questo riconoscimento non può che far bene alla sua memoria“.

Anche Judy Murray, capitano della Gran Bretagna in Fed Cup, si dice entusiasta di questa iniziativa: “Lo ritengo un modo meraviglioso per ricordare la nostra amata Bally. Ha sempre donato qualcosa di speciale, sia sul piano umano che professionale, e qui a Nottingham ha sempre riscosso un certo successo. Sarebbe entusiasta di ciò che le verrà reso nel corso di questi anni“.

Proprio a Nottingham, la Baltacha ha ottenuto il suo undicesimo ed ultimo titolo ITF nel 2013. Per anni è stata la giocatrice britannica con il miglior ranking nel singolare, elevandosi ad esempio per tutte le sue colleghe che ancora oggi provano a spiccare il volo nel circuito femminile. La sua prematura scomparsa a trent’anni ha indotto la Lawn Tennis Association a ricordarla nel primo anniversario, consegnando questo premio: una ciotola d’argento alta ventiquattro centimetri e larga ventisei.

Edizione speciale, dunque, quella di Nottingham 2015. Grazie al ricordo della tennista nata a Kiev, il torneo inglese riscuoterà indubbiamente un seguito eccezionale in patria e troverà un riscontro positivo anche al di fuori dei confini nazionali.


Nessun Commento per “NOTTINGHAM, UN TROFEO PER ELENA BALTACHA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.