DJOKOVIC: SONO ANCORA IL PIU’ FORTE

Il n.1 del mondo ha conquistato il terzo titolo a Miami battendo lo scozzese Andy Murray. “Questa vittoria mi dà molta fiducia per il resto della stagione” ha detto
lunedì, 2 Aprile 2012

Ha conquistato il terzo titolo a Miami – n.30 in carriera e undicesimo Masters 1000 – battendo Andy Murray in due set. Ora il n.1 del mondo Novak Djokovic è sereno e tranquillo, in vista della stagione sulla terra rossa, che lo scorso anno gli ha regalato non poche soddisfazioni. “In vista della stagione sul rosso dovrò prepararmi al meglio, perché è una superficie che stanca molto fisicamente”, ha detto il serbo, che dopo Pasqua giocherà al torneo di Monte Carlo, dove non era andato lo scorso anno. Ecco le sue parole dopo la finale di ieri.

Ti è andata bene ad aver chiuso nel tie-break del secondo set.

Sì. Gli ultimi tre match che ho giocato sono stati molto simili. Ho vinto il primo set 6/1, ho avuto la possibilità di breakarlo anche nel secondo set, ma non ci sono riuscito. Murray ha approfittato delle chance che gli ho lasciato, fortunatamente ho servito bene nei momenti importanti. Nel primo set mi pare di aver avuto una percentuale di prime di oltre il 70 per cento, e sicuramente mi è stato molto utile.

E’ stato un match lungo e intenso, per essere in due set.

Sì, più di due ore di gioco per due set. Ma quando in campo ci sono due giocatori da fondo che giocano un tennis di grande qualità è normale che la partita duri parecchio. Non mi aspettavo di certo un match breve. Sapevo che sarebbe stata dura, di dover giocare ogni punto per vincere il match.

Quanto sono diversi, per te, i tre titoli che hai vinto qui a Miami?

Ognuno è diverso. Ovviamente quello del 2007 è stato il primo titolo importante che ho conquistato. Da quel momento ho iniziato ad ottenere grandi risultati, e ho acquistato molta fiducia. Ero ancora abbastanza giovane e colpivo la palla molto forte. Poi con il tempo ho acquisito esperienza per giocare ad un livello alto, sono diventato più forte fisicamente, ho lavorato sul mio gioco, cercando di migliorare sempre. Nella finale dello scorso anno, contro Rafael Nadal, nessuno sapeva chi avrebbe vinto, fino all’ultimo punto è stato un match molto equilibrato. Quest’anno ho vinto senza perdere nemmeno un set. Sono soddisfatto del mio gioco e delle ultime tre partite contro tre giocatori molto forti. Mi dà molta fiducia per il resto della stagione.

Quanto credi sia importante questo risultato in vista della stagione sul rosso che sta per iniziare?

Ogni titolo è importante, questo è uno dei tornei considerati più prestigiosi. Ho vinto tre volte e amo il pubblico di Miami, mi ha sostenuto moltissimo. E i match serali qui sono i miei preferiti, perché riesci a sentire le vibrazioni della gente sugli spalti. Negli ultimi due anni ho giocato molto bene, quindi mi sento sicuro per affrontare la stagione sulla terra rossa. Andrò a Monte Carlo con fiducia. Lo scorso anno non ho giocato lì e voglio iniziare bene.

Miami è il tuo torneo preferito?

Uno dei miei preferiti.

Alcuni pensavano che saresti stato stanco rispetto a Murray. Lui aveva beneficiato di due ritiri…

No, non l’ho pensato. Ieri avevo avuto una giornata di riposo, mi sono potuto preparare al meglio per la finale. Mi sentivo molto bene.

Dopo una vittoria come questa potrai permetterti di mangiare un po’ di pane o di pasta? La tua dieta è molto rigida?

No, no. Non saprei sinceramente. Credo di meritarmi qualcosa… (ride).

Sembri molto a tuo agio nella posizione di n.1 del mondo. Quando sei in campo ti accorgi del gap tra te e gli altri giocatori?

Non credo ci siano grandi differenze. Ogni torneo, per chiunque, è una nuova opportunità per vincere un titolo. Ci sono superfici diverse, stagioni diverse, ogni giocatore può avere la possibilità di farcela. La stagione su terra rossa è la preferita di Nadal e gli altri spagnoli, e dei sudamericani… Dovrò cercare di giocare bene ovunque. Vincere a Wimbledon, sull’erba, lo scorso anno, è stato incredibile e importantissimo per la mia carriera.

Il caldo ha inciso nella tua performance di oggi?

Beh, faceva molto caldo, è vero, ed è stata una partita intensa. Ma sapevo che sarebbe stato così. Siamo due giocatori da fondo, abbiamo un tennis simile. E’ stata dura, ma credo che fisicamente non ci siano stati problemi per via del caldo.

Sei curioso di vedere come andrà sulla terra rossa?

Certo. La terra richiede sforzi fisici maggiori, quindi dovrò prepararmi molto bene. Starò fermo una settimana, e poi inizierò gli allenamenti. Ho abbastanza tempo per farcela. E visto com’è andata lo scorso anno, sono in fiducia.

Di seguito un video con le fasi salienti della finale di ieri:


1 Commento per “DJOKOVIC: SONO ANCORA IL PIU’ FORTE”


  1. Hacking Roblox ha detto:

    Please let me know if you’re looking for a article
    writer for your blog. You have some really good articles and
    I think I would be a good asset. If you ever
    want to take some of the load off, I’d absolutely love to
    write some articles for your blog in exchange for a link back to mine.
    Please shoot me an email if interested. Thank you!


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • FARINA: “FEDERER, TIFO PER TE” Si parla di Australian Open, ma non solo, nell’intervista esclusiva rilasciata a Tennis.it da Silvia Farina Elia, ex giocatrice e attuale voce tecnica di Eurosport. Ma il suo Slam preferito era…
  • WIMBLEDON 14: LE VOCI DEI PROTAGONISTI Primo turno superato e prime dichiarazioni da parte dei protagonisti. Da Nadal a Djokovic da Federer a Serena Williams passando per Maria Sharapova, le aspettative dei big al rientro […]
  • ‘NOLE’, POSSIBILITÀ DI GRANDE SLAM? Dopo i primi cinque tornei si può già fare un piccolo bilancio del 2012 di Novak Djokovic, scattato in maniera peggiore rispetto alla passata stagione. Cosa attenderci dal numero uno nei […]
  • FEDERER SI PREPARA PER L’ANNO D’ORO Roger Federer sta per tornare in campo, dopo il periodo di vacanza che si è preso al termine del torneo di Miami. "Posso ancora riprendermi il n.1" ha detto
  • ATP MIAMI, PROMOSSI E BOCCIATI Con il successo di Nole è calato il sipario sul secondo Masters 1000 della stagione. Proviamo ora a tirare le somme assegnando le pagelle ai protagonisti del torneo maschile: tra conferme, […]
  • ATP E WTA MIAMI 2012 – VIDEO Con una serie di video, vi mostriamo i momenti più belli ed esaltanti relativi ai tornei Atp e Wta di Miami 2012. Dal ritiro di Gonzalez al successo di Djokovic, dal ritorno di Venus […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.