OPEN CANADESI, DUBBI E FORFAIT

TENNIS – Con la Roger’s Cup alle porte arrivano i primi forfait: dopo i dubbi di Roger Federer, confermata la rinuncia di Maria Sharapova a Toronto e di Jo-Wilfried Tsonga a Montreal.
giovedì, 1 Agosto 2013

Tennis. Dopo la vacanza post Wimbledon costellata di tornei 250 e 500, si torna a fare sul serio con i Masters Mille americani: da domani 2 agosto i ‘maschi’ saranno impegnati a Montreal per la Roger’s Cup, mentre le donne si trasferiranno a Toronto.
Le entry list dei due tornei non risparmiano però sorprese, e i primi due giocatori a ritirarsi dal draw sono la numero due del mondo Maria Sharapova e il numero 8 del ranking ATP Jo-WIlfried Tsonga.

La russa siberiana risente ancora dell’infortunio all’anca che aveva condizionato la sua prestazione di secondo turno ai Championships (e che le aveva causato la sconfitta nel medesimo match contro Michelle Larcher de Brito ) , e, dopo aver rinunciato alla partecipazione a Stanford, dà forfait anche per Toronto.
“Non vedevo l’ora di tornare in campo davanti ai miei tifosi canadesi ma purtroppo non ho ancora recuperato.”

Dopo quello di Masha, arriva il ritiro del francese Tsonga, che ha preferito prendersi una pausa più lunga dal circuito: anche lui durante la maledetta edizione di quest’anno di Wimbledon ha rimediato un infortunio al ginocchio, e al momento sta continuando la riabilitazione. Jo non gioca un match ufficiale dal 26 giugno, quando a causa del ginocchio ha dovuto ritirarsi al secondo turno dello Slam londinese, ed è costretto ad allungare il periodo di stop nonostante i punti da difendere in Canada (lo scorso anno a Toronto riuscì ad arrivare in semifinale, dove fu battuto dal futuro campione del torneo, Novak Djokovic).
“Spero di riuscire ad essere pronto per gli US Open” ha detto il francese.

Fuori dal “main draw” nordamericano anche Gael Monfils, che oggi si è distorto la caviglia mentre si allenava (al suo posto entrerà il giovane canadese Filip Peliwo) e per motivi famigliari non meglio identificati anche lo statunitense Mardy Fish (rimpiazzato dal tennista uzbeko Jonas Istomin).

Per quanto riguarda Roger Federer, e la sua chiacchieratissima schiena, ancora niente di certo. Lo svizzero aveva affermato che la sua presenza al torneo canadese era tutt’altro che certa: “In primo luogo ho bisogno di prendermi cura della mia schiena. L’infortunio è serio, il dolore è minore di Indian Wells ma non è ancora ok e devo concentrarmi su esercizi e allenamenti specifici”.

Ovviamente tutti si augurano di vedere il numero cinque del mondo (che occupa la posizione in classifica più bassa degli ultimi dieci anni) prendere parte alla competizione che partirà domani stesso, ma nessuna dichiarazione è stata ancora riportata. Non ci resta che attendere e, qualora decidesse di competere, sperare in una prestazione degna del nome di Roger.


Nessun Commento per “OPEN CANADESI, DUBBI E FORFAIT”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.