OSAKA CRESCE: “MI SENTO PIU’ MATURA DOPO GLI US OPEN”

La giapponese fa il punto della situazione dopo il successo americano

Tennis. E’ stato il torneo della consacrazione, battere Serena Williams a casa sua, negli Us Open. L’impresa della Osaka, prima nipponica capace di vincere uno Slam, comincia ad essere realizzata seriamente dalla giovane tennista, che analizza il momento.

“Sentivo un sacco di emozioni. Non riuscivo a capacitarmene al momento, mi sentivo semplicemente piena di sensazioni. Mi sono goduta il momento come meglio pensavo, anche in questo ho un mio modo di fare, come ogni persona, per cui non ho alcun rimpianto. Mi sono fatta una fama, non sono granché alle premiazioni. Anche ad Indian Wells è stato un po’ diverso dal solito immagino. Ho vissuto a New York per un po ‘, quindi l’US Open è sempre stato speciale per me. In un certo senso, sono felice che sia stato il mio primo Grande Slam. Poiché sento che gli US Open sono speciali, sento che Toray è speciale, mi piacerebbe anche fare bene qui”.

Adesso la classe ’97 gioca in casa, in un torneo che in passato l’ha già vista protagonista, riuscendo a centrare una finale. Quest’anno l’obiettivo è ovviamente la vittoria, per coronare un momento d’oro dopo il successo a New York.

“Ho giocato un sacco di match da allora, mi sento più maturata e questo aiuta, come avere fiducia in se stessi. Gioco qua a Tokyo da diversi anni, e ho raggiunto anche la finale una volta, è speciale per me. Faccio le cose a modo mio, e questo è bello per le persone, che ognuno è diverso, non ho alcun rimpianto. Ho voglia di venire in Giappone dall’America, è più facile adattarsi al jet lag, è stato un po ‘duro, ma non così male, non ho ancora mangiato katsudon perché siamo vicini al torneo. Sarebbe però bello avere un gelato al tè verde e forse anche un po ‘di tempura.”


Nessun Commento per “OSAKA CRESCE: "MI SENTO PIU' MATURA DOPO GLI US OPEN"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.