PANATTA: “FEDERER GIOCA A TENNIS MEGLIO DI TUTTI GLI ALTRI”

L’ex leggenda del tennis italiano ritiene che Federer sia il GOAT per la sua capacità di giocare meglio di tutti i suoi rivali
domenica, 5 Luglio 2020

Tennis. Adriano Panatta non è mai banale nelle sue dichiarazioni. L’ex leggenda del tennis italiano ha rilasciato una lunga intervista al Corriere della Sera, dove ha analizzato alcuni dei rimpianti più cocenti della sua lunga carriera. L’azzurro è stato spesso accusato di non impegnarsi abbastanza negli allenamenti.

“Questa è una leggenda da sfatare: io non sono pigro, è che mi hanno dipinto così. Certo non ero Borg, ma non farei mai cambio. Non mi allenavo come Vilas, però nemmeno passavo le giornate a poltrire.

La verità è che avevo un gioco molto rischioso, da equilibrista, senza margini, che mi richiedeva di essere sempre al cento per cento.

E poi avevo tanti interessi, mica solo il tennis. Certo tornassi indietro, sono sincero, alcune cose non le rifarei” – ha dichiarato Panatta.

Wimbledon 1979 rappresenta di gran lunga la delusione più ardua da superare: “Non me lo perdono, il più grande rimpianto della carriera. Ho sempre snobbato Wimbledon, non me ne fregava niente: gli inglesi, le loro tradizioni, l’erba su cui la palla rimbalzava da schifo… Levava la parte artistica dal gioco, la odiavo.”

Sul migliore di sempre, Panatta non ha dubbi: “Facile, Roger Federer. Le statistiche a favore di Djokovic non mi interessano.

Io guardo il complesso: lo stile, la mano, la completezza. Federer è, e sempre sarà, quello che gioca a tennis meglio di tutti gli altri.”



Nessun Commento per “PANATTA: "FEDERER GIOCA A TENNIS MEGLIO DI TUTTI GLI ALTRI"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.