PANATTA: “IL ROLAND GARROS HA FATTO BENE. SU FEDERER…”

Secondo l’ex campione del Roland Garros, gli interessi di Federer non devono essere assecondati dall’ATP nella riorganizzazione del calendario

Tennis. Intervistato da Stefano Semeraro per La Stampa, l’ex campione del Roland Garros Adriano Panatta ha commentato la difficile situazione che sta vivendo il tennis durante l’emergenza Coronavirus. Ricordiamo che al momento entrambi i circuiti sono sospesi almeno fino al 7 giugno.

“È l’ultimo dei problemi. In questo isolamento forzato però si ha più tempo per cose che di solito trascuriamo. Ad esempio pensare: a quello che potrei fare, a quello che ti impediranno di fare dopo.

Le preoccupazioni sono tante. Paragonano questo momento al dopoguerra, cioè il periodo in cui l’Italia, fino al boom degli anni ’60, ha dato il meglio.

Speriamo si ripeta quel fenomeno. Speriamo che i nostri governanti abbiano capito che le priorità devono essere diverse” – ha dichiarato l’ex campione degli Internazionali d’Italia.

A tenere banco è anche la decisione del Roland Garros di spostare il secondo Slam stagionale a settembre. Secondo il parere di Panatta, si tratta di una decisione corretta, anche a costo di scontentare un top player come Roger Federer.

“Fine settembre è una collocazione giusta anche se per i giocatori passare dal cemento alla terra battuta è un piccolo problema. Io lo avrei spostato anche una settimana più tardi.

Federer mi sta anche simpatico ma si è fatto una società per conto suo, se ne farà una ragione. Non possiamo andare dietro a lui“.


Nessun Commento per “PANATTA: "IL ROLAND GARROS HA FATTO BENE. SU FEDERER..."”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.