PANATTA NE HA PER TUTTI: “SONO CONTRARIO ALLE NUOVE REGOLE”

La leggende del tennis italiano ne ha per tutti, dal format della nuova Coppa Davis alle regole sperimentali delle Next Gen ATP Finals

Tennis. Tra i più delusi dalla riforma della Coppa Davis c’è sicuramente Adriano Panatta. La leggenda del nostro tennis non ha esitato a criticare ferocemente i cambiamenti apportati dal gruppo Kosmos, che hanno snaturato un format secolare comprimendo le fasi finali in un’unica settimana.

Ci manca solo che adottino le regole sperimentali delle Next Gen Finals, con i mini-set al quattro e il killer point, poi siamo a posto. Piqué dice che il futuro del tennis è questo? Vorrei che tornasse a pensare al calcio” – ha spiegato in un’intervista all’ANSA.

Non poteva mancare una critica verso i giocatori: “E ci credo, si tolgono il disturbo di spalmare la Davis su tutto l’arco stagionale, risolvono il problema in una settimana, staccano il pass per le Olimpiadi e nessuno a casa può dire loro che non hanno dato il sangue per la nazionale.

Ma la Spagna forse avrebbe vinto ugualmente, non c’era bisogno di creare apposta una manifestazione in Spagna per gli spagnoli, non era proprio necessario.

Mi dicono che Paolo Bertolucci abbia versato qualche lacrima vedendo come hanno ridotto la competizione. Io no, io mi sono imbufalito. Noi rinunciavamo volentieri agli interessi personali per volare avventurosamente in India, Cile, Argentina. 

Siamo andati da Pinochet, abbiamo preso calci e sputi, siamotornati con la coppa e non c’era nessuno ad aspettarci all’aeroporto. Ma sentivamo la competizione in modo viscerale. Ora la competizione non c’è più“.


Nessun Commento per “PANATTA NE HA PER TUTTI: "SONO CONTRARIO ALLE NUOVE REGOLE"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • IO SONO IL MATUSALEMME DEL TENNIS Artin Elmayan ha 95 anni ed è il giocatore di tennis più anziano della classifica mondiale: “E’ una scocciatura, non trovo mai un avversario con la mia età e devo scontrarmi con dei […]
  • ALBERT COSTA: “NADAL CI DARÀ UNA MANO CON LA NUOVA DAVIS” Albert Costa ritiene che i prossimi mesi saranno utili ad accrescere il prestigio della nuova Coppa Davis
  • ITALIA, QUEL PROBLEMA CHIAMATO SEMIFINALE Da Parigi 1928 a Milwakee 1998: 70 anni di battaglie su quel benedetto/maledetto penultimo gradino. Tante le batoste, poche ma stupende le vittorie. Eccovi la storia.
  • GAUDENZI, IL TENNISTA SUL SEGGIOLONE Numero 1 d’Italia per diversi anni, il giocatore faentino è arrivato a sedersi sulla poltrona n.18 della classifica Atp e a disputare la finale di Coppa Davis. Nel 2002 superò al primo […]
  • DAVIS 1976, UN CAPPELLO PIENO DI RICORDI Lucio Biancatelli e Alessandro Nizegorodcew raccontano l'unica Davis italiana attraverso le testimonianze di chi c'era: giocatori, giornalisti, appassionati. "1976, Storia di un trionfo" è […]
  • GRAZIE ANCORA, CILE! E' la nostra ancora di salvezza, almeno in tema di Coppa Davis. Il curioso caso della maglia rossa di Adriano Panatta

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2019

  • Sinner scatenato. Partito dalle qualificazioni, il 17enne altoatesino ha infuocato gli Internazionali d'Italia! Scoprite la sua storia nell'ultimo numero di Tennis Oggi.
  • Che caratteraccio Daniil! Medvedev ha un temperamento a volte iroso che lo rende poco simpatico, ma il suo tennis imprevedibile che non piace agli avversari piace molto al pubblico...
  • Il grande talento di Bianca. La Andreescu è la prima tennista nata nel Terzo Millennio capace di conquistare un titolo Slam. Ci è riuscita agli US Open sulla pericolosissima beniamina di casa Serena Williams.
  • Un secolo di gloria. Lo storico Circolo Canottieri Roma ha compiuto 100 anni e ha festeggiato con una favolosa festa alla quale sono intervenuti 500 soci ed ospiti illustri del mondo sportivo, artistico e culturale. A concludere la serata dei sontuosi fuochi d'artificio.