PANATTA: “SENZA NADAL, FEDERER AVREBBE VINTO DECINE DI SLAM”

Adriano Panatta dice la sua sul confronto Federer-Nadal

Tennis. Quando espone il proprio pensiero, non è mai banale. L’Adriano nazionale, quel Panatta che vinse Roma e Roland Garros nello stesso anno, ha detto la sua circa il duello tennistico che ha tenuto banco nel nuovo millennio e continua anche oggi a farlo, da ultra trent’enni. Molto merito loro, un po’ demerito di quei giovani che non riescono a frapporsi fra loro, soprattutto nei tornei più prestigiosi.

Federer ha sempre lottato duramente con Nadal; senza di lui avrebbe sicuramente vinto 30 o 40 SlamNadal è da ammirare per la sua umiltà: ha sempre rispettato Federer, nonostante avesse già dimostrato agli inizi di poterlo battere. Sono grandi amici, ma soprattutto sono i tennisti più rispettabili di tutto il circuito“.

Panatta racconta quale sia a suo dire la migliore delle qualità di Rafa: “Sicuramente sulla terra non ha eguali: è il miglior giocatore di sempre. Nadal è l’unico che ha continuato a sorprendermi sempre più con il passare del tempo. Non ho mai visto un tennista così forte mentalmente: sotto questo aspetto mi ricorda un po’ BorgHa un dritto incredibile, si muove benissimo. Peccato invece per il servizio, dato che non riesce spesso a ottenere punti diretti con la prima; tuttavia meglio così, altrimenti sarebbe stato veramente imbattibile. Anche Nadal ha le sue debolezze, così come tutti gli esseri umani“.


Nessun Commento per “PANATTA: "SENZA NADAL, FEDERER AVREBBE VINTO DECINE DI SLAM"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Gennaio 2019

  • Nole è sempre Nole. Djokovic chiude l'anno da n.1 per la quarta volta rimontando addirittura dalla posizione n.22 che occupava a metà del 2017, l'ennesima prova di carattere, volontà e talento del serbo.
  • Zverev apre una breccia. A chiudere in bellezza il 2018 è stato il giovane tedesco col trionfo al Masters, e ora la domanda nasce spontanea: il 2019 sarà l'anno dell'atteso ricambio generazionale in campo Atp?
  • Anno nuovo Davis nuova. Ormai ci siamo, è tempo di rivoluzione in ambito Davis. Si riparte con la nuova formula, ma le polemiche non si placano.