PARIGI BERCY: DEL POTRO E NADAL AI QUARTI, FUORI DIMITROV E GOFFIN

L'argentino spera ancora nelle Atp Finals dopo il successo su Robin Haase, mentre lo spagnolo ha superato Cuevas in tre set. Il bulgaro invece è stato battuto da John Isner dopo aver avuto anche un match-point

TENNIS – Non è stata la sua prestazione più brillante delle ultime settimane, ma Juan Martin Del Potro è riuscito comunque a raggiungere i quarti di finale del Masters 1000 di Parigi Bercy, mantenendo vive le speranze di qualificarsi per le Atp Finals in programma a Londra dal 12 al 19 novembre prossimi. Grazie al successo in due set (7-5 6-4) su Robin Haase infatti, l’argentino è ad una sola vittoria dall’entrare tra i migliori otto che si giocheranno il “Master” di fine anno, e dopo l’ultimo mese mezzo in cui ha giocato molto proprio per cercare di centrare questo obiettivo c’è da scommettere che farà di tutto per riuscirci.

Quella contro l’olandese è stata una partita molto equilibrata nel primo set, visto che Haase ha servito molto bene fino al 4-4 ed è riuscito anche a recuperare immediatamente il break di svantaggio che lo aveva visto andare sotto 5-4. Poi però, al termine di un undicesimo game molto combattuto, Del Potro è riuscito a strappare nuovamente la battuta al suo avversario e dopo il cambio di campo ha chiuso i conti sul 7-5 non senza qualche difficoltà, considerando che ha dovuto salvare due pericolose palle break che avrebbero permesso all’olandese di allungare la frazione al tie-break. Nel secondo parziale poi entrambi i giocatori hanno gestito bene i rispettivi game al servizio fino al 2-2, ma nel quinto gioco Haase ha accusato un passaggio a vuoto fatale, che ha permesso a Del Potro di portare a casa il break del momentaneo 3-2 sul quale ha poi costruito il definitivo 6-4.

VERDASCO

Ha confermato il buon momento di forma di questi ultimi giorni invece Fernando Verdasco, che grazie ad un tennis molto solido con il quale aveva già eliminato un avversario tosto come il numero 16 del mondo Kevin Anderson, ha sconfitto Dominic Thiem con un doppio 6-4 che lo proietta ai quarti di finale del Masters 1000 parigino. Nel primo set allo spagnolo è bastato strappare il servizio al suo avversario nel quinto game (dopo che nel quarto era stato lui a salvare due palle break), mentre nel secondo parziale Verdasco è andato avanti 3-1, ha subito il contro-break del 4-4 e nel game successivo ha allungato nuovamente sul 5-4, mettendo poi in tasca la vittoria sul definitivo 6-4 con un ultimo turno di battuta praticamente perfetto.

ISNER

E’ stata una “battaglia” di quasi tre ore invece quella che ha visto Joh Isner battere Grigor Dimitrov 7-6 5-7 7-6 dopo aver recuperato un break di svantaggio nel terzo set e aver salvato anche un match-point sul 5-2 in favore del bulgaro, che esce di scena quindi con molti rimpianti al termine di un incontro che sembrava aver già messo in tasca. Nel primo set ci sono state appena tre palle break (due salvate da Isner e una da Dmitrov) e nel successivo tie-break lo statunitense è andato avanti 6-3, ma si è imposto 12 punti a 10 soltanto al sesto set-point dopo che aveva dilapidato il buon vantaggio che era riuscito a costruire. Nel secondo parziale quindi Dimitrov ha cercato di reagire immediatamente e ha avuto subito due palle break (sul 15-40) salvate da Isner nel secondo game grazie a due ottime prime di servizio, ma dopo una serie di game in cui entrambi i giocatori hanno gestito bene i rispettivi turni di battuta, la prima di servizio di Isner è sparita e sul 6-5 in favore del bulgaro, dopo aver salvato un primo set-point, lo statunitense ha commesso il terzo doppio fallo del game consegnando così break e secondo set a Dimitrov sul 7-5. Nel terzo e decisivo parziale poi Isner è sembrato molto più stanco rispetto al suo avversario, ha dovuto salvare subito altre due palle break (sul 30-40 del secondo e quarto game) e nel sesto gioco ne ha cancellate altre due consecutive piazzando altrettante prime vincenti sul 15-40, ma alla terza chance Dimitrov ha indovinato un passante lungo linea di rovescio quasi impossibile ed è salito sul 4-2. Lo statunitense però non ha mollato, ha dato fondo alle residue energie rimaste nel suo serbatoio e dopo aver salvato un match-point nell’ottavo game rimanendo in scia sul 5-3, con il suo avversario al servizio per chiudere il match ha trovato il break del momentaneo 4-5, confermandolo poi con un turno di battuta quasi perfetto che lo ha rimesso in carreggiata sul 5-5. La sfida quindi è approdata al tie-break, e Isner ha approfittato di un altro paio di errori di Dimitrov (compreso il doppio fallo commesso sul 5-2) per chiudere i conti 7 punti a 2 e assicurarsi il passaggio ai quarti di finale.

KRAJINOVIC

Si qualifica per i quarti di finale poi anche Filip Krajinovic, che ha superato Nicolas Mahut in tre set (6-2 3-6 6-1 lo score conclusivo in favore del serbo) grazie ad un’altra buona prestazione, nella quale ha avuto un passaggio soltanto nella parte finale del secondo parziale quando ha perso per due volte di fila il servizio permettendo al francese di rientrare in partita. Nel terzo e decisivo set però Krajinovic ha ripreso in mano il comando delle operazioni, e ha battuto un Mahut (che tra l’altro ha palesato anche qualche problema al polpaccio) per il quale la stagione è comunque tutt’altro che finita visto che sarà impegnato in doppio prima alle Atp Finals e poi nella finale di Coppa Davis che la sua Francia giocherà contro il Belgio.

BENNETEAU

E insieme a quella compiuta da Krajinovic è arrivata anche l’impresa di Julien Benneteau, che ha sconfitto a sorpresa David Goffin con un doppio 6-3 piuttosto netto staccando il pass per i quarti di finale del Masters 1000 parigino. Nel primo set il belga è andato sotto 5-2 con due break di svantaggio, e dopo averne recuperato uno per il momentaneo 5-3 ha ceduto nuovamente la battuta permettendo a Benneteau di mettere in tasca il parziale, nel secondo invece il francese ha ottenuto il break del 2-0 e da quel momento non ha più concesso alcuna chance al suo avversario, portando a casa la vittoria sul definitivo 6-3 tra gli applausi del pubblico di casa.

NADAL

È dovuto ricorrere al terzo set invece Rafa Nadal, che nella sessione serale ha battuto Pablo Cuevas 6-3 6-7 6-3 al termine di un match in cui, dopo aver vinto agevolmente il primo set, nel secondo si è fatto rimontare un break di vantaggio prima di cedere al tie-break, e anche nel terzo ha permesso all’uruguaiano di strappargli la battuta dopo essere salito 3-2 e servizio. Alla fine però il numero uno del mondo ha allungato nuovamente e ha chiuso i conti sul definitivo 6-3 raggiungendo i quarti di finale. Cosa che ha fatto anche Jack Sock battendo Lucas Pouille 7-6 6-3, portando a casa una vittoria che fa sorridere anche David Goffin perché la sconfitta del francese gli ha regalato la qualificazione aritmetica alle Atp Finals. Nell’ultimo incontro in programma sul centrale, infine, ha conquistato il passaggio ai quarti di finale anche Marin Cilic, grazie al successo in due set (7-6 6-2) ai danni di Roberto Bautista Agut.

(Nella foto Juan Martin Del Potro – www.zimbio.com)

 


Nessun Commento per “PARIGI BERCY: DEL POTRO E NADAL AI QUARTI, FUORI DIMITROV E GOFFIN”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.