PARIGI-BERCY, SEMIFINALE DA SOGNO DJOKOVIC-FEDERER

Il tennista serbo si è imposto 4-6 6-2 6-3 ai danni di Marin Cilic mentre lo svizzero ha avuto la meglio su Nishikori con un doppio 6-4. Nell'altra "fetta" di tabellone invece a giocarsi un posto per la finalissima saranno Thiem e Khachanov

TENNIS – Ha dovuto cedere un set e nel terzo si è anche ritrovato sotto di un break, ma alla fine Novak Djokovic è riuscito ugualmente a trovare il modo di vincere e battendo un ottimo Marin Cilic 4-6 6-2 6-3 ha guadagnato la qualificazione alle semifinali del Masters 1000 di Parigi-Bercy. Cosa che dopo di lui, nell’ultimo match di giornata sul campo centrale, ha fatto anche Roger Federer sconfiggendo in due set Kei Nishikori.

DJOKOVIC

Nel primo set Cilic ha giocato un tennis da applausi e ha avuto due palle break, una nel quinto e l’altra nel settimo game, ma nel sesto è stato lui a dover salvare tre chance di break a Djokovic, che poi però ha ceduto la battuta sul 4-4. Cilic così ne ha approfittato per chiudere i conti sul 6-4 lasciando intendere di avere la carte in regola per riuscire a fermare la striscia vincente di quello che lunedì prossimo sarà il nuovo numero uno del mondo. Nel secondo parziale però il serbo ha reagito da campione quale è, dominandolo fin dall’inizio per il netto 6-2 che lo ha rimesso in partita, ma nella terza e decisiva frazione il croato è tornato a giocare un tennis molto aggressivo, riuscendo a salire sul 2-1 e servizio tra gli applausi del pubblico del centrale. A quel punto però Cilic non è riuscito a piazzare l’allungo decisivo, e dopo aver ceduto l’immediato contro-break del 2-2 ha visto svanire un’altra palla break a causa di un incredibile passante giocato d Djokovic, e dopo che Cilic ha perso nuovamente il servizio (nell’ottavo game) il serbo ha poi messo in tasca la vittoria con un altro turno di battuta molto solido, che gli ha regalato il definitivo 6-3.

FEDERER

Ora quindi, per un posto in finale, Nole se la vedrà con Roger Federer in quella che sarà una semifinale attesissima e ricca di spettacolo. Lo svizzero infatti, nel suo quarto di finale, ha battuto Kei Nishikori con un doppio 6-4, grazie ad un’ora e venti minuti di tennis di alto livello che gli ha permesso di avere la meglio sul giapponese. Dopo il successo ottenuto ieri contro Fognini quindi, Federer ha mostrato qualche progresso ma adesso avrà bisogno di tutta la sua classe se vorrà avere la chance di fermare lo straordinario Novak Djokovic di questa seconda parte di 2018.

THIEM-KHACHANOV

Passando invece all’altra “fetta” del tabellone, a giocarsi un posto per la finalissima di domenica nella prima semifinale saranno Dominic Thiem e Karen Khachanov, vittoriosi rispettivamente contro il campione uscente Jack Sock e Alexander Zverev. L’austriaco ha dovuto risalire la china contro il tennista statunitense, portando a casa il successo 4-6 6-4 6-4 al termine di una sfida comunque tirata ed equilibrata. Il russo invece ha dominato in lungo e in largo fin dalle battute iniziali sconfiggendo Zverev con un perentorio 6-1 6-2 che non ha lasciato scampo al tedesco, mai in grado di mettere in difficoltà il suo avversario neanche con il proprio servizio.

(Nella foto Novak Djokovic – www.zimbio.com)


Nessun Commento per “PARIGI-BERCY, SEMIFINALE DA SOGNO DJOKOVIC-FEDERER”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.