PARIGI-BERCY: DJOKOVIC PASSEGGIA, COLPO FEDERER

Nole apre la giornata con un agevole successo su Wawrinka, Roger centra il successo in tre set contro Del Potro e torna a battere l'argentino dopo tre ko di fila.

TENNIS – Si è aperto oggi pomeriggio il programma di Parigi-Bercy, ultimo Masters 1000 della stagione. I quarti di finale della parte bassa regalano un successo preventivabile, ma anche una battaglia di tre set tra due top players alla pari. Alla fine la spuntano Djokovic e Federer, che accedono in semifinale a discapito di Wawrinka e Del Potro.

Il primo match di giornata è quello tra Nole e Stan. Lo svizzero è chiamato a proseguire la striscia di risultati positivi per assicurarsi un posto alle Finals di Londra, mentre il serbo gioca per riavvicinarsi a Nadal nella classifica mondiale. Il tasso tecnico non proprio equilibrato premia il numero 2 del mondo, che si impone 6-1 6-4 in un’ora e 23 minuti di gioco. Match mai in discussione, con Djokovic che si conferma su ritmi atletici impressionanti e concede solo un game, quello intermedio, nel primo set. Due parziali per 3-0 divisi da un solo servizio difeso da Wawrinka sono il riassunto di una prima partita senza storia.

Secondo set più equilibrato soprattutto grazie all’accelerazione dell’elvetico, che va vicino al break di vantaggio al secondo game, ma Nole riesce a salvarsi ai vantaggi. Stesso discorso a parti invertite nel gioco successivo: Stan deve proteggere la battuta dal gioco aggressivo dell’avversario e ci riesce annullando quattro palle break. I ritmi furiosi di inizio set si placano con il passare del tempo, fino al passaggio a vuoto di Wawrinka: Djokovic strappa il servizio a zero e vola sul 4-3, mettendo a segno l’unico colpo della seconda partita. Il match scivola verso il termine senza ulteriori scossoni, con il serbo che vola in semifinale.

Il penultimo atto di Bercy riproporrà una classica degli ultimi anni. Nole incontrerà Federer, che esce vincitore dalla battaglia con Del Potro e interrompe una striscia negativa contro l’argentino che durava da tre incontri. 6-3 4-6 6-3 il punteggio finale che premia l’ex numero uno del mondo, capace di sfoderare un gioco lucido e mai banale nel primo set. Delpo soffre i colpi da fermo di Roger, in particolar modo sul servizio del quarto gioco, quando è costretto a cedere battuta e partita inaugurale.

Nel secondo arriva la reazione del colosso di Tandil, che però deve fare i conti sulla solidità al servizio del suo rivale. Solo una palla break annullata nei primi nove giochi, durante i quali entrambi tengono il servizio, poi il game decisivo sulla battuta di Federer: Del Potro conquista un primo set point, Roger lo annulla, ma sul secondo non può opporsi e l’argentino ristabilisce la parità. Si va all’atto decisivo e la lucidità mentale comincia a venire meno: tra il quinto e il settimo gioco arrivano tre break, due targati Federer, che rendono nervoso chi insegue. L’ultimo game, sul servizio del sudamericano, esalta lo svizzero, spinto a gran voce dal pubblico transalpino: il 6-3 finale certifica una maggiore freschezza mentale del tennista di Basilea, che accede alle semifinali del Masters parigino.

In archivio i primi due incontri, adesso tocca alla parte alta del tabellone. Tra circa un’ora scenderà in campo Rafa Nadal, impegnato contro Richard Gasquet. A seguire ci sarà la sfida tra Ferrer e Berdych: possibile, dunque, una semifinale tutta spagnola, ma il numero uno del ranking mondiale dovrà vedersela con l’ultimo beniamino di casa rimasto in corsa.


Nessun Commento per “PARIGI-BERCY: DJOKOVIC PASSEGGIA, COLPO FEDERER”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2019

  • Sinner scatenato. Partito dalle qualificazioni, il 17enne altoatesino ha infuocato gli Internazionali d'Italia! Scoprite la sua storia nell'ultimo numero di Tennis Oggi.
  • Che caratteraccio Daniil! Medvedev ha un temperamento a volte iroso che lo rende poco simpatico, ma il suo tennis imprevedibile che non piace agli avversari piace molto al pubblico...
  • Il grande talento di Bianca. La Andreescu è la prima tennista nata nel Terzo Millennio capace di conquistare un titolo Slam. Ci è riuscita agli US Open sulla pericolosissima beniamina di casa Serena Williams.
  • Un secolo di gloria. Lo storico Circolo Canottieri Roma ha compiuto 100 anni e ha festeggiato con una favolosa festa alla quale sono intervenuti 500 soci ed ospiti illustri del mondo sportivo, artistico e culturale. A concludere la serata dei sontuosi fuochi d'artificio.