PARIGI-BERCY, NIENTE DA FARE PER FOGNINI CONTRO FEDERER

Il tennista azzurro ha avuto qualche chance ma alla fine è stato battuto 6-4 6-3 dal campione svizzero, che passa ai quarti insieme a Djokovic, Cilic, Zverev e Thiem

TENNIS – Ha avuto le sue opportunità, ma alla fine Fabio Fognini si è dovuto arrendere a Roger Federer negli ottavi di finale del Masters 1000 di Parigi-Bercy. Il ligure è stato battuto 6-4 6-3 al termine di un match in cui il servizio ha funzionato a fasi alterne, e Fognini può avere il rimpianto delle palle break avute sul 5-4 del primo set e sul 4-3 del secondo, ma nel complesso Federer ha giocato ad un livello che pur non essendo stato al top gli ha permesso ugualmente di portare a casa la vittoria.

Nel primo set l’azzurro ha sofferto commettendo qualche errore di troppo, tanto che Federer si è portato velocemente sul 4-1 con due break di vantaggio, poi però Fognini ha reagito riuscendo a risalire fino al 4-3, e ha avuto anche due palle del 5-5 sul 15-40 del decimo game con lo svizzero al servizio per chiudere il parziale. Federer però è riuscito a salvarsi, e nella seconda frazione ha ricominciato a servire bene concedendo un solo punto al ligure durante i primi tre turni di battuta. Con il break ottenuto nel quinto game poi Federer si è portato sul 4-2, e si è salvato da campione nell’ottavo gioco quando è risalito da 15-40 grazie a tre prime di servizio praticamente perfette, che evidentemente hanno definitivamente scoraggiato il numero uno del tennis azzurro. Fognini infatti subito dopo ha commesso altri due doppi falli e in un attimo ha concesso il break del definitivo 6-3 che ha regalato allo svizzero vittoria e passaggio del turno, certificando una sconfitta che lascia l’azzurro dietro a Coric nella Race verso le Atp Finals in attesa di conoscere quale sarà la decisione di Rafa Nadal dopo il ritiro di ieri dal Masters 1000 parigino.

DJOKOVIC

Non ha dovuto faticare più di tanto invece Novak Djokovic, che nella sfida precedente a quella dell’azzurro ha approfittato del ritiro di Damir Dzumhur quando si trovava avanti comunque 6-1 2-1. Nole ha comandato le operazioni fin dalle battute iniziali della sfida, salendo velocemente sul 4-1, poi il bosniaco ha accusato un problema alla schiena che lo ha costretto a chiamare un medical-timeout e all’inizio della seconda frazione è arrivato l’inevitabile ritiro che ha spalancato a Djokovic le porte dei quarti di finale.

ALTRI RISULTATI PARIGI-BERCY

Passando infine agli altri match di ottavi di finale giocati oggi a Parigi-Bercy, avanzano Marin Cilic, che ha superato Grigor Dimitrov 7-6 6-4 al termine di un match comunque combattuto ed equilibrato, Alexander Zverev, protagonista di un netto 6-4 6-2 ai danni di Diego Schwartzman, il campione uscente Jack Sock (6-0 6-4 a Malek Jaziri), Karen Khachanov (6-4 6-7 7-6 a John Isner) e Dominic Thiem, che è riuscito a spuntarla in tre set (6-7 6-2 7-5) contro Borna Coric.

(Nella foto Fabio Fognini – www.zimbio.com)


Nessun Commento per “PARIGI-BERCY, NIENTE DA FARE PER FOGNINI CONTRO FEDERER”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.