PAT CASH, I 49 ANNI DEL PIRATA

Compie 49 anni Pat Cash, "il pirata" famoso per la scalata alle tribune dopo la vittoria ottenuta a Wimbledon nel 1987, lo celebriamo ricordando la sua carriera
martedì, 27 Maggio 2014

Tennis. Ci sono emozioni che non si possono contenere, di emozioni si vive, si scrive la storia, non si possono circoscrivere, spezzano l’ordinario ed il protocollo, stupendo, facendo sorridere, a volte sconcertando nella loro esternazione chi ci circonda: è la storia di Pat Cash, della finale di Wimbledon del 1987 e di quei tanto discussi “salti verso le tribune”.

Bisogna avvolgere il nastro, tornare indietro all’estate dell’ 87, in terra sassone si disputa il terzo degli Slam: “il pirata” (chiamato così per la sua abitudine a cingersi il capo con una bandana) si intromette quasi inaspettatamente nella lotta al titolo di Wimbledon fra Boris Becker e Ivan Lendl, sconfigge Mats Wilander, in semifinale Jimmy Connors e in finale Lendl. Due ore e 45 minuti di battaglia 7-6 6-2 7-5 senza perdere neanche un set (ceduto solo una volta in tutto il torneo), una vittoria netta e meritata che spiazza Lendl rimandando per la seconda volta  il suo appuntamento con la vittoria di Wimbledon (il tennista eco naturalizzato statunitense non riuscirà mai a vincere questo torneo). Ventidue anni ed essere il re di Wimbledon dovrà essere stata una gioia incontenibile per Pat, il ragazzo nativo di Melbourne non ha voluto aspettare niente e nessuno (al bando cerimonie e duchi di Kent) e si è voluto circondare immediatamente delle persone a lui più care per festeggiare la vittoria sfatando una cerimonia “sacra” dal 1877. I salti e la scalata verso le tribune, dirigendosi verso il suo box, l’abbraccio con il padre, l’allenatore e la compagna (che allora gli aveva già dato un bambino), le telecamere della BBC non riuscivano a trovare il tennista australiano, Lady Diana divertita e visibilmente felice per la vittoria e il comportamento così spontaneo del vincitore, da allora la prassi vuole che il trionfatore esegua la “scalata” alle tribune del central court per festeggiare il titolo: attimi che hanno scritto la storia di Wimbledon e che saranno ricordati ancora a lungo; da qui in poi la discesa.

La caduta del campione, la lotta del guerriero, un’amara e triste sentenza dopo un presagio nefasto saggiato già in parte prima del trionfo londinese con i due problemi dell’ernia al disco: gli infortuni ai legamenti, le ginocchia che cedono all’usura e agli urti (uno rotto a causa delle porte di un ascensore)ed una carriera martoriata dai tanti, troppi infortuni.La vita tennistica nel singolare subisce una brusca frenata, quella di doppio continua riportando, tra l’altro, anche qualche successo (1990 a Sydney e Hong Kong e 1996 a Pinehurst).

Ma del pirata vanno ricordate e celebrate anche altre vittorie: le due Coppe Davis conquistate per l’Australia nel 1983 e nel 1986 battendo in finale a Melbourne la Svezia (nella finale del 1986 ha conquistato tutti e tre i punti per il proprio team). Per non dimenticare i 2 titoli di Melbourne (1982 e 1983) e quello di Brisbane (1983) che legano questo tennista con un legame quasi viscerale alla propria patria.Nel 1987 il successo a Nancy e a Johannesburg e per finire la vittoria ad Hong Kong (1990). Le finali conquistate e poi perse sono 5: tre a Melbourne (1984, 1987 e 1988), a Sydney (1987) e a Seoul (1990).

Oggi Cash festeggia i suoi 49 anni, frequenta ancora il circuito tennistico delle  “vecchie glorie” ed è ancora ritenuto uno dei migliori interpreti del serve & volley, si è conquistato molte simpatie per il suo gioco spettacolare ed aggressivo, come il suo carattere, grintoso e indomito: un vero pirata del campo da tennis.


Nessun Commento per “PAT CASH, I 49 ANNI DEL PIRATA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • INSULTI DA “TOP TEN” Non sempre il tennis è rispetto, eleganza e stile. Ogni tanto qualche protagonista si lascia andare, ed allora ecco la classifica dei migliori insulti di tutti i tempi, stillata dal […]
  • SI SALVI CHI PUÒ Il fatidico 21-12-2012 si avvicina inesorabile. Nel frattempo, noi proseguiamo nel nostro arduo tentativo di salvare il salvabile. Dopo ‘I Quattro Moschettieri di Francia’, Don Budge, […]
  • TENNIS E FIORI D’ARANCIO COMBINAZIONE LETALE? PARE DI NO TENNIS - Con il matrimonio tra Novak Djokovic e Jelena Ristic appena annunciato, andiamo a spulciare tra gli annali come è cambiato il rendimento dei tennisti vincitori di Slam dopo il grande passo
  • PAT CASH, IL PRIMO SCALATORE DI WIMBLEDON Il “Pirata” australiano con la bandana a scacchi vinse a sorpresa Wimbledon nel 1987 e poi osò scalare gli spalti del mitico “Centre Court” per andare ad abbracciare i suoi famigliari […]
  • I DOLORI DEL GIOVANE LENDL Ivan Lendl, attuale coach di Andy Murray, nel corso della sua carriera da giocatore, prima di vincere il suo primo Slam a Parigi nel 1984, ha dovuto incassare ben quattro sconfitte […]
  • C’ERA UNA VOLTA IL CIMITERO DEI CAMPIONI Una leggenda che era diventata una sentenza: era preferibile che gli ex-campioni si tenessero distanti dal Campo numero 2, la sorpresa era (quasi) garantita

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.