PAT CASH: VI SPIEGO COME CI SI PETTINA

Il vincitore di Wimbledon 1987 torna sui campi da tennis per un evento di beneficenza. Avete bisogno di consigli sul look? L'australiano è pronto. Anche se... "Ho perso il mio orecchino con la croce!"
domenica, 30 Novembre 2014

TENNIS – Conosciuto come “Il Pirata” per quella bandana a scacchi che era una bandiera, Pat Cash si è conquistato la reputazione di genio folle del tennis alla fine degli anni Ottanta. L’ex tennista australiano, che nel 1987 “sconvolse” il mondo arrampicandosi sulle tribune di Wimbledon per abbracciare il proprio team, ha avuto una carriera difficile, costellata di infortuni anche gravi.

Il mese prossimo lo rivedremo giocare un match contro John McEnroe allo Statoil Masters Tennis presso la Royal Albert Hall di Londra: esibizione i cui proventi verranno devoluti in beneficenza. Recentemente intervistato dal “Guardian” in preparazione dell’evento, ha spiegato come si sta preparando parlando della sua passione per il rock che condiziona il suo stile di vita da tempo. E dando consigli un po’ matti sul fronte look… “Non mi sono spazzolato i capelli per almeno vent’anni di fila. Faccio tre docce al giorno dopo gli allenamenti, ma non mi lavo i capelli se non sono molto sporchi e puzzolenti”. Sì, tutto vero… “Li tengo sempre in un disordine un po’ rock, ma i miei capelli non hanno ancora niente a che vedere con quelli di Rod Stewart o Ronnie Wood. Eppure, sapendo come li ho trattati, sono già molto fiero di averli ancora sulla testa, a 49 anni”.

Stile trasandato che lo contraddistingue anche nei momenti più seri: “Se devo andare a un evento, uso la Smart e mi vesto con jeans, camicia e una giacca. Ma mi piace aggiungere sempre qualcosa un po’ rock al mio look come una cintura particolare o qualche accessorio che faccia pensare alla musica. Come ogni buona rock star, dall’età di 19 anni ho sempre indossato un orecchino a forma di croce che ho perso a Pasqua di quest’anno. Per ora non ho ancora trovato qualcosa con cui sostituirlo, ma ci sto pensando”.

Nonostante il passare degli anni, il vincitore di Wimbledon 1987 non si preoccupa dei cambiamenti a cui va incontro. “Non mi sono mai concentrato molto sulle rughe, i miei geni mi permettono di stare tranquillo. Mia madre, infatti, ha visto la sua prima ruga all’età di 60 anni e sono confidente di aver preso da lei. Per evitare di rovinare la pelle, comunque, ho sempre utilizzato strati abbondanti di crema protettiva contro i raggi Uv”.

Per quel che riguarda la forma fisica, Cash la prende con filosofia. “Ho delle gambe molto lunghe e un gran sedere. Quindi faccio sempre una fatica immensa a trovare i vestiti giusti per me. Poi c’è il fatto che sto invecchiando e che mi sento tozzo e grasso anche se poi, in realtà, se mi metto a fianco a un tennista della mia altezza risulto anche abbastanza magro”.


Nessun Commento per “PAT CASH: VI SPIEGO COME CI SI PETTINA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • NADAL, ALLA FACCIA DI SANSONE: VIA I CAPELLI, NUOVO LOOK Rafael Nadal taglia i capelli e si nasconde in un cappellino: mistero sul nuovo look. Ma non aveva ormai nulla da perdere..
  • NADAL, TRAPIANTO DI CAPELLI E NUOVO LOOK Il maiorchino si è sottoposto ad un trapianto di capelli. I risultati della dolorosa terapia - curata dal Dottor Mato Ansorena - dovrebbero essere visibili tra 6 mesi
  • IVAN PER IVAN Ljubicic accetta l'invito del World Tennis Challenge e affiancherà Lendl nel team Internazionale. Per la tre giorni di tennis spettacolare ad Adelaide ora manca solo il compagno di Pat Cash
  • INSULTI DA “TOP TEN” Non sempre il tennis è rispetto, eleganza e stile. Ogni tanto qualche protagonista si lascia andare, ed allora ecco la classifica dei migliori insulti di tutti i tempi, stillata dal […]
  • C’ERA UNA VOLTA LO SLAM DEGLI AUSTRALIANI Per due terzi della sua storia, l’Australian Open è stato un affare quasi esclusivamente riservato ai tennisti di casa e veniva quasi snobbato dai giocatori degli altri paesi. Poi […]
  • AGASSI: “ GRAZIE A WIMBLEDON HO REALIZZATO I MIEI SOGNI” Andrè Agassi torna a giocare a Wimbledon. L’ex tennista americano, che sarà protagonista insieme a Pete Sampras nella tappa londinese della Giornata Mondiale del Tennis, torna a parlare […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.