LA PENNETTA SI SCOTTA

Si ferma in semifinale l'avventura svedese della Pennetta, che a Bastad si arrende facilmente alla Dulko per 6-3 6-1, sua compagna di doppio, che in finale trova la Rezai
venerdì, 9 Luglio 2010

Bastad (Svezia) – Match da dimenticare per la brindisina, che contro la sua compagna di doppio non entra mai in partita, cedendo ben presto il campo sia nel primo che nel secondo set, chiusi per 6-3 6-1 in 1 ora e 13′ minuti. Dopo un inizio di torneo incoraggiate, una brutta frenata per l’azzurra, che lascia anzitempo il torneo scandinavo.

Discreto inizio. Partenza in equilibrio del match, in cui Flavia prima annulla 2 palle break sotto 2-1 e poi spreca malamente da 0-40 nel game successivo,  con un paio d’errori banali. Il set si decide all’ottavo gioco quando Flavia sotto 4-3 va subito 0-40, recupera, ma poi ai vantaggi è costretta a cedere il primo e unico break del set, chiuso poco dopo dalla Dulko sul 6-3.

Crollo. Le cose si mettono male  anche nel secondo, con l’argentina che strappa il servizio nel primo game e sale agevolmente 2-0. Flavia non punge, sopratutto negli scambi da fondo, quasi sempre appannaggio della sua avversaria. L’azzurra riesce a rimanere in scia sul 2-1, salvando un’altra palla break, ma oggi davvero non è giornata, e nel turno successivo 2 dritti vincenti regalano alla Dulko il 4-1 pesante che mette i titoli di coda ad un match chiuso poco dopo sul 6-1. Per la Dulko, alla 4° vittoria in 6 confronti con Flavia, prima finale della stagione, la 7° della carriera. Mentre per l’azzurra la necessità di voltare subito pagina e volare a Palermo per difendere il titolo conquistato lo scorso anno.

Rezai ok. Nell’altra semifinale la vittoria va alla francese Aravan Rezai n2 del torneo, che s’ipone in poco più di 1 ora contro la ceca Safarova per 6-3 6-3. Partita dove il servizio conta ben poco, con ben 9 break in 18 giochi complessivi. La francese  alla fine porta a casa il match grazie a delle buone percentuali di resa al servizio e ad qualche errore di troppo della Ceca.

Aravane cerca il bis. Seconda finale dell’anno per la francese dopo la bellissima vittoria in quel di Madrid. I precedenti sono però a favore della Dulko, che si è imposta in tutte e 2 le sfide passate ,entrambe nel 2008. La prima sulla terra di Fes per 7-6 6-3 e la seconda al primo turno di  Wimbledon per 1-6 6-0 6-2

Quarti a Budapest. Il tabellone dell’altro torneo WTA della settimana si trova un passo indietro rispetto alla Svezia. Oggi si sono infatti giocati i quarti di finale, che hanno delineato le due semifinali di domani. Passa il turno con facilità la campionessa in carica e beniamina di casa Agnes Szavay, che ha lasciato le briciole (6-3 6-1 il punteggio) alla campionessa del 2008 Alize’ Cornet. L’ungherese in semifinale dovrà vedersela con la numero due del tabellone, Alexandra Dulgheru, che ha bruciato sul filo di lana la lettone Anatasija Sevastova, sconfitta per 6-7 6-2 7-6.

Nell’altra semifinale la rediviva Patty Schnyder, che ha bruciato le speranze di Polona Hercog, eliminata per  7-5 1-6 6-4, affronterà la sorpresa del torneo Zuzana Ondraskova, che a trent’anni e dopo una carriera a dir poco grigia, indovina una settimana di livello altissimo che oggi l’ha portata ad eliminare Anabel Medina Garrigues esattamente con lo stesso punteggio  del match appena citato, 7-5 1-6 6-4.


Nessun Commento per “LA PENNETTA SI SCOTTA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • FLAVIA CONTINUA, ROBERTA NO La Pennetta prosegue la sua corsa a Bastad piegando una coriacea Craybas in due set. A Budapest crolla la Vinci
  • FLAVIA AVANZA, CAROLINE SI RITIRA Seconda vittoria consecutiva per la Pennetta sulla terra di Bastad, dove sconfigge la tedesca Kerber per 6-2 6-3. Si ferma invece la Wozniacki, costretta al ritiro per un problema alla spalla.
  • PENNETTA SUL VELLUTO (ROSSO) La brindisina passeggia anche nel secondo turno a Bastad, lasciando due soli game alla diciassettenne Stephens
  • TERRA DI PUGLIA Le due pugliesi Pennetta e Vinci portano avanti i colori azzurri a Bastad e Budapest, mentre si arrendono la Brianti e la Garbin (proprio con la Vinci)
  • RITORNO SULLA TERRA Wimbledon chiude il sipario, e il circuito regala un ultimo scampolo di tennis su terra rossa. A Bastad Flavia Pennetta è la favorita, mentre Budapest offre un tabellone di difficile lettura
  • ROBERTA RIMONTA, FLAVIA NO Dopo Sara Errani, anche Roberta Vinci si qualifica per i quarti di Budapest, superando in rimonta l'ungherese Babos per 4-6 7-5 6-2. Si ferma invece il cammino di Flavia Pennetta a Bastad, […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.