PETE SAMPRAS: “NADAL GIOCA COME SE FOSSE A FINE CARRIERA”

La nuova puntata della telenovela Nadal la regala l’ex numero uno del mondo Pete Sampras, confessando a The Nation che il maiorchino, quando è in campo, sembra avere le sembianze di un giocatore a fine carriera. “Ma si riprenderà” conclude il 14 volte campione di Slam.
mercoledì, 19 Agosto 2015

Tennis – Oramai siamo al ritmo di una puntata a settimana. Come nelle migliori serie tv l’appuntamento con il tormentone dell’anno si rinnova più o meno ogni sette giorni. La scorsa settimana era toccato a Larry Stefanki, prima di lui a John McEnroe e Nick Bollettieri, mentre ora è niente poco di meno che Pete Sampras a prendere la parola sullo stato fisico e mentale di Rafael Nadal.

Il 14 volte vincitore di Slam, intervistato da The Nation, confessa di avere l’impressione che Rafa stia combattendo una battaglia mentale di altissima portata come non gli era mai successo in carriera: “Io vedo molta ansia e nervosismo in Rafa, ma sono convinto che tornerà al massimo della forma”.

Dunque il problema del nove volte vincitore del Roland Garros è solo e soltanto psicologico dal punto di vista dell’ex numero 1 del mondo americano, che punta il dito non tanto sullo stato di forma fisica dello spagnolo quanto più sul suo stato mentale: “Mi sembra poco sereno in campo e non riesce a trovare la giusta profondità”.

A questo status complicato si aggiungono anche gli avversari, che sembrano non temere più la forza del maiorchino e non esitano ad attaccarlo: “I ragazzi là fuori non lo temono più e giocare sempre in difesa contro chi ti attacca senza paura non è per niente facile”. Anche perché il fisico non sembra più rispondere come un tempo: “Nadal è stato fuori per un po’ di tempo a causa di problemi fisici. E ora sta pagando il suo pedaggio”.

A questo si deve probabilmente la stagione peggiore da dieci anni a questa parte, la sconfitta ai quarti di finale del Roland Garros e le tante delusioni subite durante questo 2015. Ma il sette volte vincitore di Wimbledon resta fiducioso sul futuro prossimo del maiorchino, che ha vinto gli Us Open nel 2010 e nel 2013: “Io penso che sta lavorando sodo e sta facendo le cose giuste per tornare nell’elitè. Deve soltanto ritrovare il proprio gioco”.

Tuttavia, c’è qualcosa che l’ex tennista statunitense non può fare a meno di notare sul comportamento del mancino di Manacor: “Quando lo vedo in campo sembra che la sua carriera stia per concludersi. Ma io so che starà bene e tornerà ai livelli che gli competono”.

Il 44enne originario di Potomac (Maryland) non può esimersi, infine, dal rispondere a una domanda su Roger Federer e sulle possibilità che il 34 svizzero ha di vincere ancora un major: ”Io credo che ne abbia. Penso che stia giocando molto bene, è in forma e colpisce la palla alla grande. Sta facendo bene quello che ha fatto bene per anni”.

È chiaro che la strada non è più dritta come una volta perché la concorrenza si è fatta molto agguerrita:Andy Murray e Novak Djokovic sono nel fiore degli anni. Penso che, affinchè Roger possa vincere, le cose devono andare in un certo modo. Ma Wimbledon per lui rappresenta sempre l’occasione migliore”. Per concludere Pistol Pete si lascia andare a una previsione sul prossimo vincitore degli Us Open: “Novak Djokovic è l’uomo da battere”.

Foto: Pete Sampras, 14 volte campione Slam (www.zimbio.com)


Nessun Commento per “PETE SAMPRAS: “NADAL GIOCA COME SE FOSSE A FINE CARRIERA””


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.