PIATTI: “JANNIK SINNER DEVE ANCORA MIGLIORARE SU TUTTO”

Il coach comasco ha spiegato che Jannik deve ancora migliorare sotto ogni aspetto, ma la strada è quella giusta

Tennis. L’inizio di stagione di Jannik Sinner è stato abbastanza complicato, facendo piovere numerose e ingiuste critiche sul 18enne altoatesino. Dopo aver raggiunto i quarti a Rotterdam battendo David Goffin, Riccardo Piatti si è tolto qualche sassolino dalla scarpa.

“Dalle Next Gen Finals in poi tutti riscoprono Jannik ogni volta che vince, ma a me interessano le partite in cui perde o quelle dove ha giocato male. Quella contro Fucsovics in Australia per esempio o quella contro Ymer a Montpellier.

In Francia, dopo l’incontro, Jannik era fuori dalla grazia di dio per aver perso, gli bruciava da matti, gli ho dovuto ricordare che lo scorso febbraio era 570 del mondo e quindi non doveva rompere le scatole. 

Jannik deve ancora migliorare su tutto, continuo a ripeterlo. Gli mancano le solite 150 partite da giocare di alto livello, vinte o perse non importa. 

A Marsiglia entrerà in tabellone direttamente, ma a me interessa che Jannik giochi tanto e sempre con i più forti. La settimana scorsa si è allenato con tutti: Auger-Aliassime, Medvedev, Shapovalov, e vince quasi sempre lui. Ma deve imparare a gestire le partite.

Per questo farà tutta la stagione sul rosso: Marrakech, Budapest, Montecarlo, Monaco, Madrid, Roma, Lione. Perché sulla terra troverà giocatori come Carreno-Busta qui a Rotterdam, che lo costringeranno a fare fatica. Jannik è giovane e bisogna dargli tempo.

Ho allenato Djokovic quando aveva l’età di Sinner: venimmo qui a Rotterdam e Nole al primo turno battè Seppi, al secondo Henman, poi perse contro Stepanek: guarda caso 7-6 al terzo” – ha spiegato il suo coach.


Nessun Commento per “PIATTI: "JANNIK SINNER DEVE ANCORA MIGLIORARE SU TUTTO"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.