PICCOLA MADISON CRESCE… “MA ANCORA NON E’ ABBASTANZA!”

Come da pronostico al Foro Italico la Keys si è inchinata alla n.1 del mondo, che per il futuro le ha augurato di prendere il suo posto in vetta... "Non la deluderò e mi allenerò ancora più duramente", le ha risposto l'americanina
domenica, 15 Maggio 2016

Tennis – La piccola Madison Keys, solo di età visto che è alta 1 metro e 78 e pesa 66 chili, oggi ha tentato di gestire la sua terza sfida con la più famosa connazionale Serena Williams, la prima in finale. E per un set, tra qualche errore di troppo della leader mondiale e diverse sue ingenuità, ci è riuscita grazie a un servizio davvero efficace, spingendosi fino al tie-break poi perso sul fil di lana.

Nel secondo parziale ha tenuto duro ancora per qualche game, la ragazza dalla pelle di luna e dagli occhi grigi come le nubi del cielo di Roma, ma complici la sua ansia da prestazione e l’abilità di Serena di costruirsi una vittoria anche giocando al minimo, è stata costretta a cedere confermando il proverbiale “non c’è due senza tre”.

Tenero il sorriso della Williams quando va a stringerle la mano a fine match, quasi materno. Sicuramente incoraggiante anche lo sportivo abbraccio che segue, ma il suo significato è chiaro: oltre alla nazionalità, al colore della pelle e allo stesso sponsor, non c’è altro che le accomuna. Di sicuro lo status di campionessa per ora è un’esclusiva di “Little Sister”, che a parole augura comunque alla Keys di prendere il suo posto in un futuro remoto. Piccola Madison cresce, dunque, ma ancora non abbastanza per battere Serena!

Ottima partenza e, naturalmente, un epilogo che non avresti voluto. Come commenti questa finale?
Ho messo in campo molte cose buone e anche diversi errori imperdonabili, come due doppi falli di fila.  Ma in fondo nel primo set la differenza l’hanno fatta pochi punti. Nel secondo, invece, lei ha alzato il livello di gioco… farò tesoro di questo match e mi allenerò ancora più duramente.

Serena ti ha detto che puoi essere tu la prossima n.1, che effetto ti ha fatto?
Peccato che non sia già così! Scherzo, è sempre bello che una campionessa come lei dica questo, è una grossa responsabilità e cercherò di non deluderla.

I due doppi falli li addebiti dal vento?
Sicuramente il primo, ma il secondo l’ho commesso perché ero tesa, nervosa, e poi subito dopo ho perso un altro punto per un paio di millimetri. Domani, in allenamento, tirerò almeno 300 battute per punizione!

Oggi sembravi piuttosto rilassata sin dall’inizio. E’ perché avevi già incontrato Serena Williams altre due volte?
Effettivamente non ero particolarmente agitata, volevo solo cercare di dare il meglio di me e non avevo niente da perdere. Serena è però una presenza carismatica in campo, non puoi ignorarlo, e quindi man mano che va avanti il match si finisce con l’irrigidirsi, non importa quante volte uno l’abbia affrontata.

Adesso che ti aspetti dal Roland Garros?
Eono più fiduciosa, soprattutto perché ho battuto qui un paio di top-ten, ma so perfettamente che a Parigi sarà comunque difficilissimo.

Parliamo, invece, della ragazza Madison. Cosa ti piace fare al di fuori del tennis?
Mi piace fare shopping, cucinare dolci e passare del tempo con amici e parenti, anche senza fare niente… mi basta essere attorniata dalle persone che amo.

Madison Keys sorride malgrado la sconfitta... oggi non ha sfigurato nella finale contro Serena Williams!

Madison Keys sorride malgrado la sconfitta… oggi non ha sfigurato nella finale contro Serena Williams!


Nessun Commento per “PICCOLA MADISON CRESCE... “MA ANCORA NON E' ABBASTANZA!"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.