PIETRANGELI: “MEGLIO SALTARE UN ANNO CHE GIOCARE LONTANO DA ROMA”

La leggenda del tennis italiano ha ammesso che non gli piacerebbe un’edizione degli Internazionali d’Italia lontano da Roma
sabato, 18 Aprile 2020

Tennis. Nel corso di una lunga intervista al Corriere della Sera, la leggenda del tennis italiano Nicola Pietrangeli ha analizzato il difficile momento che sta vivendo tutto il mondo del tennis durante la pandemia.

“E pensare che avevo già ricevuto una lettera dall’organizzazione del Roland Garros, avrei premiato il vincitore” per commemorare i 60 anni dal suo secondo successo. “Spero di poter andare lo stesso, magari a settembre quando finirà questo strazio”.

Il circolo, la famiglia, la normalità. Cerco di ricordare la mia vita per non annoiarmi, e penso che chi non ha rimpianti è un imbecille. Ripenso agli sbagli fatti, a volte dando una capocciata al muro. 

Il rimpianto sportivo è quello di non aver vinto Wimbledon; e poi l’aver lasciato il Roland Garros per qualche giorno per assistere alla nascita di mio figlio.

Il desiderio di tornare a casa era incredibile, ma mi giocai la possibilità di vincere” – ha aggiunto.

Sul possibile trasferimento degli Internazionali d’Italia, Pietrangeli ha sentenziato: “Preferirei saltare un anno che giocare lontano da Roma. Fognini fa paura a tutti, Berrettini è diventato un giocatore vero,

Sinner potenzialmente è da primi dieci al mondo. E faccio un in bocca al lupo a Gaudenzi che non poteva diventare presidente ATP in un momento più tosto”. 


Nessun Commento per “PIETRANGELI: "MEGLIO SALTARE UN ANNO CHE GIOCARE LONTANO DA ROMA"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.