IBI 2019: FOGNINI FA SOGNARE, NADAL PER LA NONA

A pochi giorni dal via degli Internazionali d'Italia, il tennis azzurro spera in un'altra settimana da ricordare per il ligure, mentre lo spagnolo è deciso ad invertire la rotta dopo le delusioni di Montecarlo e Barcellona
lunedì, 6 Maggio 2019

TENNIS – Mentre sulla terra rossa del Foro Italico si giocano i match delle pre-qualificazioni, cresce sempre di più l’attesa per l’edizione 2019 degli Internazionali d’Italia BNL di tennis, che dal 12 al 19 maggio prossimi vedrà di nuovo i big del tennis mondiale scendere in campo a Roma. Aspettando di sapere se Roger Federer tornerà nella capitale, Nadal e Djokovic naturalmente partono con i favori del pronostico, ma dopo lo splendido trionfo di Montecarlo anche Fabio Fognini fa sognare i tifosi italiani.

Di certo dopo un inizio di stagione sull’amata terra rossa tutt’altro che soddisfacente, Nadal punterà al nono titolo, anche e soprattutto perché per la prima volta dal 2005, si presenta al Foro Italico senza aver vinto né a Montecarlo né a Barcellona, dove è stato sconfitto, entrambe le volte in semifinale, da Fognini e Thiem. Ci sarà però anche un Novak Djokovic desideroso di ritrovare la forma dei giorni migliori, visto che dopo la vittoria degli Australian Open non ha ottenuto grandi risultati, e considerando che è il tennista che ha sconfitto più volte Rafa sul rosso, di cui due volte in finale proprio a Roma, c’è da aspettarsi un numero uno del mondo più che agguerrito, anche perché indipendentemente dal risultato che otterrà agli Internazionali manterrà la vetta del ranking Atp, particolare che potrebbe consentire al fuoriclasse di Belgrado di affrontare il torneo senza eccessive pressioni.

Ci sarà da fare i conti però anche con l’ottimo Dominic Thiem visto nelle scorse settimane, non solo perché è stato capace di interrompere la serie di 18 vittorie consecutive di Nadal al torneo di Barcellona per poi imporsi in finale su Medvedev, ma soprattutto per il livello di gioco che sta esprimendo. Nella scorsa edizione degli Internazionali BNL d’Italia comunque Thiem è stato sconfitto in tre set da Fabio Fognini al secondo turno, ed è proprio nel momento di grazia del ligure che ripongono le proprie speranze tutti gli appassionati italiani. A Montecarlo l’azzurro è diventato il primo italiano a vincere un Masters 1000 al culmine di una settimana esaltante nella quale ha superato Rublev, Zverev, Nadal e Lajovic, e con un altro buon risultato a Roma potrebbe entrare per la prima volta in carriera nella top ten del ranking Atp, uno stimolo in più che sicuramente spingerà Fognini a dare il massimo.

L’effetto Fognini tra l’altro  potrebbe contribuire anche ad accrescere ulteriormente il successo di pubblico degli Internazionali d’Italia, le cui prevendite hanno già fatto registrare un incremento dell’11 per cento rispetto ad un anno fa, e l’obiettivo di battere il record fatto registrare nel 2017 è più che concreto. Tutto il pubblico del Foro Italico quindi spingerà Fabio Fognini, ma le ambizioni del tennis azzurro a Roma sono riposte anche in Marco Cecchinato, semifinalista un anno fa al Roland Garros, e Matteo Berrettini: quest’ultimo, romano di nascita, ha conquistato a Budapest il secondo titolo Atp in carriera, diventato il quarto italiano più giovane a vincere due tornei nell’era Open e il ventesimo a entrare in top 40, e ieri si è fermato solo in finale al torneo Atp di Monaco di Baviera (battuto in tre set dal cileno Garin), a conferma dell’ottimo momento che sta attraversando. L’Italia del tennis maschile quindi c’è, e agli Internazionali d’Italia 2019 non è vietato sognare.

(Nella foto Fabio Fognini – www.zimbio.com)


Nessun Commento per “IBI 2019: FOGNINI FA SOGNARE, NADAL PER LA NONA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.