ERRANI-VINCI, CHE MATCH SARÀ?

Una preview della sfida odierna fra le amiche Sara Errani e Roberta Vinci, che daranno vita al primo quarto di finale tutto italiano nella storia di un torneo del Grande Slam. La bolognese ha vinto gli ultimi tre precedenti, ma oggi sarà un match diverso, nel quale il fattore psicologico conterà più di ogni altra cosa
mercoledì, 5 Settembre 2012

New York (Stati Uniti) – Sventolerà il nostro tricolore preferito nella sfida che oggi aprirà il programma del Louis Armstrong Stadium. In campo Sara Errani e Roberta Vinci, uno contro l’altra in quello che sarà il primo quarto di finale tutto italiano nella storia di un torneo del Grande Slam, con in palio un posto nelle semifinali degli Us Open. Davvero difficile dire che sfida sarà, perché non si affrontano due azzurre qualsiasi. In campo ci saranno come due sorelle, quella maggiore – più tattica e talentuosa – e quella minore, che è arrivata sin dove è anche grazie al suo aiuto. Tocco, eleganza e intelligenza, contro cuore, fatica e gambe. Due ragazze tanto diverse nel modo di giocare quanto simili negli atteggiamenti, sia in campo che fuori. Lottatrici vere durante i match, sempre educate, gentili e sorridenti fuori, dove scherzano, si divertono e girano insieme. Un affiatamento che ha permesso loro di vincere il doppio al Roland Garros e di raggiungere (lunedì prossimo) la vetta della classifica mondiale di specialità, ma anche di creare un legame unico, di quelli che vanno ben oltre lo sport.

Oggi però, almeno per un paio d’ore (o forse meno), dovranno cercare di lasciarsi tutto alle spalle. Probabilmente, come spesso accade nei derby particolarmente sentiti, molto dipenderà dall’aspetto psicologico, e proprio per questo difficilmente verrà fuori un match di alto livello. I risultati nelle sfide passate vedono la Errani in vantaggio per 3-2, ma questa volta ci attende un match diverso dai precedenti. A questi livelli Sara ha un po’ più di esperienza  di Roberta, ma oggi conterà fino a un certo punto. Non sarà un quarto di finale in un Major, sarà una sfida fra due amiche che hanno disputato la miglior stagione della propria carriera e sono unite come non mai, con in palio però un traguardo importantissimo. Per questo si tratta del tipico incontro da 50 e 50, nel quale avrà la meglio la giocatrice che riuscirà a pensare meno, a dimenticarsi di avere la propria migliore amica dall’altra parte del campo, a essere sé stessa e non cambiare le proprie abitudini.

Qualcuno ha definito una sorta di ingiustizia il fatto che al primo quarto di finale a Flushing Meadows si siano trovate una contro l’altra, ma ciò non è del tutto negativo. Il derby ci dà la certezza di avere un’azzurra in semifinale a New York (come non accadeva da 82 anni), e comunque andrà farà felici ambedue le contendenti, perché aver raggiunto i quarti è già un risultato preziosissimo per entrambe. La Vinci ce l’ha fatta per la prima volta nella vita (dopo aver centrato a Wimbledon il primo ottavo), a conferma del grandissimo periodo di forma che sta attraversando. Ha appena vinto il torneo di Dallas (che l’ha resa la prima azzurra della storia a vincere un Wta su tutte le superfici), sta giocando come mai in passato, e anche in caso di sconfitta potrà festeggiare un nuovo best ranking. Discorso simile per la Errani, che anche se perdesse potrebbe festeggiare il primato in classifica (avvicinando la qualificazione al Masters di fine anno) e chiuderebbe il 2012 con due risultati mai riusciti a nessuno a livello nazionale: una finale e due quarti nei tornei dello Slam, e gli almeno undici successi Wta tra singolare e doppio.

Chiunque vincerà, partirà poi sfavorita in semifinale, dove molto probabilmente ci sarà la grande favorita Serena Williams, impegnata ai quarti contro Ana Ivanovic. Alle nostre conviene una vittoria della serba (battuta da Sara al Roland Garros e da Roberta a Montreal con un doppio 6-0), ma Pablo Lozano, coach della Errani, non ha nascosto che secondo lui entrambe le azzurre hanno i mezzi per poter impensierire anche Serenona. Secondo noi la faccenda sarebbe molto complicata, in quanto la statunitense sta tenendo un passo incredibile, ma le due azzurre hanno già dimostrato più volte di saper andare ben oltre le previsioni, ed è quindi meglio non porre loro ulteriori limiti.


Nessun Commento per “ERRANI-VINCI, CHE MATCH SARÀ?”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • UNA NUOVA TRASCINATRICE? Sara Errani ha raggiunto i quarti di finale di un torneo del Grande Slam per la seconda volta consecutiva, e sembra destinata a diventare presto la numero uno d'Italia. Un volto nuovo e […]
  • ERRANI E SEPPI, NON È UN CASO Sono i due azzurri che quest'anno hanno stupito di più, e ora li troviamo insieme agli ottavi del Roland Garros. Ci hanno sempre creduto, con grinta e abnegazione, e ora stan venendo […]
  • AUSTRALIAN OPEN, IL TABELLONE FEMMINILE È stato estratto il main draw femminile della 101esima edizione dello Slam australiano. Serena Williams è stata sorteggiata nella parte di tabellone presidiata da Victoria Azarenka. […]
  • US OPEN DAY 10: PREVIEW E' il gran giorno: Errani e Vinci si sfidano per un posto in semifinale. Il premio potrebbe essere Serena, favorita sulla bella Ivanovic. Murray trova Cilic, allerta Berdych per Federer. […]
  • DAY 4: SI PARTE CON IL SECONDO TURNO TENNIS – Mercoledì da leoni al Roland Garros con i secondi turni della parte alta del tabellone femminile e di quella bassa del maschile. Federer va sul Lenglen, per lasciare spazio ai […]
  • DAY 8, ORA SI FA SUL SERIO TENNIS – Il Roland Garros entra nel vivo con l’inizio degli ottavi di finale. Federer va a caccia della vittoria numero 900 in carriera contro Simon. Ferrer all’esame Anderson. Tra le […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.